menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

I consiglieri di Insieme per la Provincia disertano il consiglio

"Sono già chiare - dicono - le manovre di un centrosinistra preso da deleghe e incarichi e distratto dai bisogni della comunità". E chiedono a Pupillo di occuparsi dei problemi urgenti

I consiglieri provinciali della lista "Insieme per la Provincia" non hanno partecipato al consiglio provinciale di oggi pomeriggio (giovedì 9 febbraio). "Al secondo consiglio provinciale - spiegano i componenti della lista "dei sindaci", che ha eletto Luciano Marinucci, Graziano Marino e Gabriele Di Bucchianico - già si percepiscono chiare le manovre di un centrosinistra preso da deleghe e incarichi e distratto dai bisogni della comunità. Già oggi gli scontenti del centrosinistra annunciano iniziative per mettere in difficoltà il presidente Mario Pupillo. Il nostro gruppo è nato proprio in contrapposizione a questa politica, alla mentalità che la maggioranza relativa, egemonizzata dal Pd, sta mostrando. Non ci interessano, e non interessano alla collettività, le beghe di partito. Bisogna lavorare per il bene comune: per quest onn partecipiamo al consiglio". 

Il coordinatore della lista, Massimiliano Berghella, sindaco di Treglio, chiede, al presidente della Provincia, "come mai non si sia discusso, in questi giorni, di un programma snello e fattibile; delle problematiche, urgenti, del territorio della provincia di Chieti, come il dissesto e il degrado della viabilità  o l'incuria dei canali di raccolta e scolo delle acque piovane; come mai non si parli di un serio piano di monitoraggio delle scuole medie e superiori, alla luce delle scosse sismiche e delle condizioni meteo eccezionali delle ultime settimane, dato anche che diversi istituti hanno evidenziato casi di inagibilità e carenze strutturali".  

"Inoltre - evidenzia Berghella - l'emergenza maltempo ha evidenziato l'impossibilità dell'ente provinciale di dare risposte concrete ed efficienti, con mezzi spesso senza manutenzione, a fronte di un gran lavoro del personale che opera in condizioni precarie. Chiediamo risposte alla classe dirigente del Pd, che ha responsabilità di governo regionale e nazionale, di adoperarsi, con forza, per chiedere l'assegnazione di maggiori fondi utili alla risoluzione di questi problemi. Si tratta di un'emergenza urgenza: non ci si può permettere di aspettare anni prima di dare risposte ai cittadini".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento