Politica

Rifiuto della rimozione della cittadinanza onoraria al Duce, Arcigay: "Siamo sconcertati"

Arcigay Chieti interviene sul rifiuto da parte della maggioranza dell'amministrazione comunale di Guardiagrele sulla rimozione della cittadinanza onoraria a Benito Mussolini

Sconcerto da parte dell'Arcigay Chieti che, con una nota stampa, interviene sul rifiuto da parte della maggioranza dell'amministrazione comunale di Guardiagrele della proposta di rimozione della cittadinanza onoraria a Benito Mussolini presentata dal gruppo "Guardiagrele il bene in comune".

La proposta era affiancata dalla promozione della sottoscrizione alla legge di iniziativa popolare contro la propaganda e diffusione di messaggi inneggianti al fascismo e l’adesione all’ Anagrafe Nazionale Antifascista.

"Ci trova sconcertati e sconcertate l’apprendere il rifiuto, da parte della maggioranza dell’amministrazione di Guardiagrele, di voler togliere la cittadinanza onoraria a Benito Mussolini e di aderire all’iniziativa popolare contro la diffusione di messaggi inneggianti al fascismo.  Il fascismo - rammenta l'Arcigay -  e tutto ciò che questa esecrabile ideologia porta con sé va profondamente condannata. La storia va necessariamente ricordata perché non avvenga più la presa di potere da parte di regimi totalitari e perché le persone uccise durante l’orrendo periodo fascista siano ricordate.

Ben differente è ricordare la storia attraverso un riconoscimento cittadino ad una persona che è stata complice di atroci crimini contro l'umanità. Come associazione, che tra i propri valori fondanti ha l'antifascismo, non possiamo che condannare l’accaduto e ribadiamo la necessità di dover eliminare ogni tipo di riferimento alla tradizione fascista presente nel nostro territorio".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuto della rimozione della cittadinanza onoraria al Duce, Arcigay: "Siamo sconcertati"

ChietiToday è in caricamento