menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chiusura Polizia Postale: Fratelli d’Italia presenta un ordine del giorno

Il portavoce Miscia: "Si preferisce chiudere i battenti per mantenere soltanto la sede a Pescara"

E’ stato presentato questa mattina l’ordine del giorno firmato dal capogruppo di FdI-AN Marco Di Paolo, con il quale si chiede al sindaco di adoperarsi con tutti gli strumenti necessari per evitare la dismissione della sezione di polizia postale a Chieti.

“La chiusura di un presidio di polizia postale in città, oltre a privare il territorio di uno strumento di controllo, genera il problema del reinserimento del personale impiegato presso le locali Squadre Mobili – sottolinea Roberto Miscia , portavoce FdI-An Chieti - In merito a ciò da parte del Ministero non vi è nessuna rassicurazione che gli operatori delle Sezioni chiuse, ben 54 su tutto il suolo nazionale, continuino ad occuparsi in modo esclusivo di reati informatici, stalking, pedopornografia ecc. Siamo di fronte quindi ad un'altra forma di riordino a cui siamo stati abituati negli ultimi anni che oltre a non determinare alcun risparmio per le casse pubbliche, porterà solo disordini e confusione su chi dovrà realmente occuparsi dell’attività.

Negli anni in cui la vita, gli acquisti, le vendite, le comunicazioni e i dati si muovono sempre di più sul binario sensibile ed esposto della rete informatica, invece di potenziare ed aumentare le dotazioni per l’Ufficio già esistente – conclude Miscia -  si preferisce chiudere i battenti per mantenerne uno soltanto per un intera Regione, a Pescara. Dissentendo da questa scelta insensata, siamo pronti a difendere la polizia postale di Chieti non solo con un odg ma anche con future iniziative pubbliche”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Amaretti abruzzesi: cosa sono e la ricetta per prepararli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento