menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chiusura guardie mediche in provincia, la Asl fa marcia indietro

La sospensione sarebbe dovuta scattare a dicembre, ma il dirigente Asl Flacco ha annunciato la necessità di un riesame delle procedure sulla riorganizzazione della Continuità Assistenziale. Febbo: "Un pasticcio"

Marcia indietro della Asl sulla chiusura di alcuni presidi di guardie mediche, a partire da dicembre. Il dirigente Asl Flacco non procederà infatti alla soppressione annunciata per dicembre del servizio nei Comuni di Scerni, Cupello, San Vito Chietino, Quadri, Palena e Carunchio poichè si è reso necessario un riesame delle procedure sulla riorganizzazione della Continuità Assistenziale. Sulla questione interviene nuovamente il presidente della Commissione di vigilanza, Mauro Febbo: “La retromarcia della Asl smaschera clamorosamente la confusione e il pasticcio del Governo regionale centrosinistra – commenta – ed è  una chiara dimostrazione della confusione su cui si fonda l’organizzazione della rete sanitaria emergenza-urgenza pensata dall’assessore Paolucci e dal Presidente D’Alfonso”.

L’invito di Febbo è a predisporre una programmazione che tenga conto delle peculiarità e delle vere esigenze di ogni territorio, prima di tagliare indistintamente. “Solo due settimane fa – aggiunge – avevo allertato l’assessore alla Sanità che con la chiusura di quei specifici Presidi sanitari si sarebbero causati solo gravi disagi e confusione visto che, ad oggi, manca ancora una organizzazione territoriale completa ed efficiente. Nello specifico mi risulta che il corso/concorso di formazione per i medici che devono essere a bordo delle auto mediche attivate (118) nelle zone interne è ancora in alto mare e prima del 2016 il servizio non sarà totalmente attivo e funzionante. Come l’altro grave errore è stata la riduzione delle ore di apertura del Pronto Soccorso presso il presidio ospedaliero di Gissi dove solo grazie alla sentenza del Tar oggi continua ad essere operativo 24H”.     
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento