menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Chieti Solidale, l’assessore Salute: “L’amministrazione ha correttamente portato in aula la delibera di modifica”

L’assessore agli Affari Legali del Comune di Chieti replica al consigliere Raimondi sul voto relativo alla delibera per l’affidamento della gestione dei parcheggi comunali a Chieti Solidale

“Il consigliere Raimondi, assente sia in Commissione che in Consiglio Comunale, non sa di cosa parla. Meglio avrebbe fatto a partecipare alla discussione politica invece di fare proclami inutili e senza senso”. L’assessore agli Affari Legali, Maria Rita Salute (foto), non le manda a dire e replica all’attacco del consigliere di opposizione sul voto relativo alla delibera per l’affidamento della gestione dei parcheggi comunali a Chieti Solidale, che subentrerà a Blu Parking.

“Non è il sindaco, né tantomeno il Consiglio Comunale, a risolvere i contratti stipulati dall'Ente – prosegue l’assessore Salute - ma è il dirigente preposto, con propria determina, così come è stato fatto a fronte delle documentate e reiterate inadempienze della Blu Parking.

E' solo il Consiglio Comunale, invece, che decide per legge, e non per volontà del sindaco, sull'organizzazione dei servizi pubblici locali. Se c'è qualcosa di incomprensibile, sono le affermazioni del Consigliere Raimondi e non certamente l'iter seguito dall'amministrazione che ha correttamente portato in aula la delibera di modifica dello Statuto dell’Azienda Speciale, propedeutica al nuovo affidamento del servizio parcheggi alla Chieti Solidale.

Chi amministra – aggiunge - ha il dovere di tutelare gli interessi della città e dei cittadini. Se fare “cassa” vuol dire rendere un servizio nell'interesse della collettività, e non del singolo che pensa di gestire la cosa pubblica come se fosse propria, allora bisogna fare “cassa” più spesso. Non certamente vendendo le farmacie comunali, come suggerito dal consigliere Raimondi, ma eliminando le inefficienze che ancora esistono. La liberalizzazione dei farmaci nulla ha a che fare con la vendita delle farmacie comunali. Quale vantaggio ricaverebbe l’ente dalla loro cessione? La proposta non ci appare affatto seria, ancor meno se, come si dice, formulata nell’interesse della collettività”. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento