Caserme: la Berardi passa ai carabinieri, la Bucciante consegnata al Demanio

Si valuterà se trasferire la Bucciante o no al Comune, l'obiettivo resta quello di realizzare un polo culturale per la cittadinanza. Giovedì a Chieti arriva anche il sottosegretario Alfano

Il futuro delle caserme a Chieti si disegna in questi giorni. Oggi, 1 luglio, la Caserma Berardi in via Ferri verrà materialmente consegnata all'Arma dei Carabinieri che con l'Agenzia del Demanio dovrà valutarne il miglior utilizzo, trattandosi di oltre 20.000 metri quadri di superfici.

La Caserma Bucciante alla villa comunale invece, dove si vorrebbe trasferire la biblioteca De Meis e farne una cittadella cultura, paventando anche il ritorno della facoltà di Lettere sul colle, sarà consegnata all'Agenzia Nazionale del Demanio che così dovrà valutare la domanda di acquisizione formulata dal Comune.

Ieri intanto si è svolta in Prefettura la riunione promossa dal sottosegretario all'Economia, Giovanni Legnini,  proprio per discutere del riutilizzo degli immobili pubblici in città. "Basta alle improvvisazioni, andiamo avanti in modo spedito con un progetto ambizioso" ha detto il sottosegretario "Non ci sono trattative parallele o altre ipotesi al di fuori di quelle che saranno definite con questo progetto".

Sulla caserma Bucciante (ex ospedale militare) Legnini ha fatto presente che l'obiettivo è quello di utilizzare l'immobile per la collettività, a partire dall'ipotesi di polo culturale della città con valenza anche regionale, e non parcheggiarlo in proprietà senza un prospettiva precisa.

"L'Agenzia del Demanio, alla quale per legge spetta la funzione di razionalizzare l'uso degli immobili pubblici - ha aggiunto - ha accettato di sostenere l'ambizioso progetto per Chieti: abbattere i costi per locazioni passive, investire per recupero e adattamento di caserme dismesse e ottenere sedi di uffici piùconcentrate e funzionali.Il nostro obiettivo è fare di Chieti il primo capoluogo di provincia in Italia che investe, risparmia e riorganizza la presenza dello Stato e del sistema pubblico nel suo complesso".

A conclusione della riunione, l'impegno di tutti i presenti è stato approfondire le ipotesi formulate dall'Agenzia del Demanio ed esprimere volontà piu' definite nel prossimo incontro, quando sarà coinvolta anche la Regione

Sarà quindi il tavolo interistituzionale, con la superiore approvazione delle amministrazioni centrali a partire dai ministeri della Difesa e dell'Economia, ad assumere le decisioni conclusive.

Intanto giovedì mattina a Chieti arriverà il sottosegretario di Stato al Ministero della difesa, Gioacchino Alfano, per annunciare, assieme al sindaco Di Primio,  la messa a disposizione della Caserma Bucciante in favore dell’Agenzia del Demanio. "Si valuterà se trasferirla o no al Comune e la decisione sarà presa in rapporto anche a chi farà gli investimenti per il recupero" ha annunciato Legnini.

Di Primio comunque, alla luce della riunione di ieri, ritiene che questo sia il primo passo per realizzare il progetto del completamento della cosiddetta “Dorsale della Cultura”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e i modi per tutelarsi dal contagio

  • L'infettivologo: "Aspettiamoci 2-3mila casi in Abruzzo. Fine di questa fase? Almeno altre 4-6 settimane"

  • Scontro auto-tir in via Aterno, 40enne in gravi condizioni

  • Covid-19, il laboratorio dell'Ud'A di Chieti pronto per eseguire i test: si parte con gli operatori sanitari

  • Coronavirus: altri sei morti in Abruzzo, due erano della provincia di Chieti

  • Scontro tra un' auto e un tir in via Aterno, un uomo è rimasto ferito

Torna su
ChietiToday è in caricamento