Case popolari Lanciano, accesso agli atti di Taglieri (5 stelle): "Non ho ricevuto alcun documento"

I complessi di edilizia residenziale pubblica a cui l'esponente pentastellato si è interessato sono quelli in piazza Aldo Moro, tra via Bellisario e via De Riseis

Aveva presentato una richiesta di accesso agli atti alla Ater di Lanciano per avere chiarimenti sullo stato di alcune palazzine di proprietà della Regione. Ma il consigliere del Movimento 5 stelle Francesco Taglieri non ha avuto alcun riscontro in merito. 

“Sono passati mesi – dice – e l’Ater in questione non è stata in grado, o non ha voluto, fornirmi i documenti a cui ho legittimo accesso. Un fatto grave poiché si sta parlando della sicurezza di tanti cittadini". 

I complessi di edilizia residenziale pubblica a cui l'esponente pentastellato si è interessato sono quelli in piazza Aldo Moro, tra via Bellisario e via De Riseis. "Ho trovato - dice - strutture lasciate praticamente in abbandono, con pezzi di intonaco pericolanti che minano la sicurezza di chiunque si aggiri intorno ai palazzi, e mattonelle decorative staccate dalle pareti e infrante sul suolo. Alcuni cittadini mi hanno anche mostrato ulteriori problematiche all’interno delle strutture, come le condizioni in cui versano alcune rampe di scale che mettono a repentaglio l’incolumità di chi le usa, e mi hanno raccontato le difficoltà che devono affrontare quotidianamente. Per loro diventa pericoloso persino gettare la spazzatura o utilizzare l’automobile. Siamo, quindi, di fronte a una vera e propria emergenza sicurezza per la quale bisogna intervenire il prima possibile".

Taglieri si rivolge al presidente dell'Ater Lanciano, Fausto Memmo, per avere risposte alla richiesta di accesso agli atti. "Come consigliere regionale - incalza - ho il diritto di averle e il dovere di portare il caso in consiglio regionale a fronte di una corretta e completa documentazione. Allo stesso modo è dovere dell’Ater permettermi di svolgere il lavoro e non rimanere in un silenzio, probabilmente ostruzionistico, che rallenti la mia funzione di sindacato ispettivo. Se l’Ater non darà seguito alla richiesta mi troverò costretto ad agire con ogni mezzo istituzionalmente garantito per il al reperimento delle carte. Stupisce – conclude Taglieri - che proprio Memmo, nominato dalla presidenza del consiglio regionale e coordinatore cittadino della Lega, non si impegni per dar seguito a una richiesta di accesso agli atti che ha come fine ultimo la sicurezza dei cittadini da lui più volte sbandierata come faro ispiratore".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • "Presunti favori dai vigili": il nome di Marsilio nella puntata di Report, ma il presidente respinge le accuse

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • Dopo una telefonata gli clonano il numero e rubano 15 mila euro dal conto: denunciate

  • VIDEO - "Cambio moglie" fa tappa a Lanciano: i circensi Ferrandino protagonisti con i parrucchieri Sorrentino

Torna su
ChietiToday è in caricamento