menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nella notte spuntano gli striscioni di Casapound contro la giunta Di Primio

Il movimento promette "una guerra senza quartiere ai nemici di Chieti che presto assumerà toni sempre più duri e al contempo propositivi"

Due striscioni firmati Casapound sono comparsi nella notte nel centro di Chieti per protestare contro la giunta Di Primio rea, secondo chi li ha creati, di essere la "rovina di questa città". Il secondo lenzuolo con caratteri cubitali neri e rossi recita invece "Chieti è giunta alla rovina: colpa della politica cittadina".

Un gesto che il responstabile cittadino del movimento Francesco Lapenna spiega così: "Abbiamo ormai ampiamente superato il nostro limite di sopportazione, da ora in avanti non siamo più disposti a concedere tregua o quartiere ai nemici di questa città che viene lasciata morire con il tacito assenso dei nostri amministratori, i quali non hanno la volontà né tantomeno le capacità per risolvere una situazione a dir poco drammatica".

"Giorno dopo giorno - continua Lapenna - Chieti subisce un vero e proprio saccheggio: uffici, attività, risorse, servizi scompaiono nel completo silenzio di un'amministrazione comunale inefficace, incapace di qualsiasi scatto d'orgoglio e totalmente inadeguata ad affrontare una battaglia vitale per la sopravvivenza della Città".

"È ora di mettersi in prima linea per combattere la mala gestione e l'immobilismo che stanno letteralmente strangolando la nostra amatissima Chieti - conclude - se l'amministrazione comunale dorme, l'opposizione non è da meno. Non possiamo più delegare ad ignavi ed incapaci le decisioni che riguardano il nostro futuro: questo è solamente l'inizio di una guerra senza quartiere ai nemici di Chieti che presto assumerà toni sempre più duri e al contempo propositivi. Questo è un richiamo per tutti gli uomini liberi che come noi non si arrendono al deserto che questa città è in procinto di diventare; le soluzioni esistono e sono molto più semplici di quel che questi quattro cialtroni vogliono farci credere: bisogna solo avere il coraggio di lottare. E noi saremo sempre in prima linea".

IMG-20161209-WA0000-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Amaretti abruzzesi: cosa sono e la ricetta per prepararli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento