menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cardiochirurgia, la Asl non risponde a Stella (M5S): "Comportamento grave"

La consigliera regionale aveva chiesto delucidazioni dopo aver constatato numerose assenze nel reparto dell'ospedale di Chieti

La Asl Lanciano-Vasto-Chieti non risponde alla sua pec e la consigliera regionale Barbara Stella torna di nuovo alla carica. 

“Ritengo inaccettabile un simile comportamento, che non consente di fare luce, a me e a tutti i cittadini abruzzesi, su una questione seria quale l'ipotizzata assenza dal reparto di un consistente numero di medici. Il fatto che non sia stato dato seguito a questa richiesta e che non venga fornita alcuna risposta a un consigliere regionale - afferma - non può passare sotto silenzio”.

Sella qualche giorno fa aveva chiesto delucidazioni in merito ai dati dell'organico complessivo dell'UOC di Cardiochirurgia e dei medici assenti per malattia da mercoledì 16 ottobre. 

“Un’eventuale carenza di personale in Cardiochirurgia - prosegue - mette a rischio la qualità dei servizi sanitari erogati ai pazienti che arrivano nella struttura, cosa che non può essere accettata ulteriormente e di cui il cittadino deve avere piena consapevolezza, nel rispetto e a tutela del proprio diritto alla salute. Inoltre credo sia doveroso nell’interesse di tutti capire e comprendere eventuali disfunzioni del sistema sanitario locale affinché tutte le parti prese in causa possano collaborare fattivamente al miglioramento della rete ospedaliera teatina. La mia richiesta mirava a fare il punto della situazione, accendere un riflettore su una paventata situazione di disagio e iniziare a lavorare per trovare una soluzione definitiva. Non vedo quale possa essere la motivazione di un tale ritardo nel consegnarmi i dati richiesti, semplici da reperire e riferiti ad un periodo di sole due settimane”.

“La questione – conclude Stella – non finisce sicuramente qui e attendo a stretto giro una risposta. La garanzia della salute dei cittadini deve rimanere in cima alle priorità di qualsiasi attività svolta all'interno di un'azienda ospedaliera e sono certa essere nelle intenzioni del direttore generale mettere in campo la migliore offerta sanitaria possibile per l’Asl Lanciano, Vasto, Chieti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento