rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Politica

Carbone: "Necessario far partecipare gli operatori sanitari ai programmi operativi"

Il consigliere comunale interviene sulla chisura di strutture ospedaliere periferiche nella provincia di Chieti: "Nella struttura ospedaliera di Chieti il danno più alto lo pagano pazienti, medici e operatori di settore"

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

La chiusura di strutture periferiche doveva prevedere il potenziamento dei grandi ospedali oggi non solo si attendono mesi per diagnosi e controlli, ma anche i servizi di reparto sono carenti e a pagare sono operatori di settore, medici, infermieri e pazienti è il caso di neurologia dove pazienti anziani sono costretti a rimanere nei corridoi e a lunghe attese, la sanità intesa solo come conti da far quadrare e strutture da chiudere, senza bilanciare la chiusura di strutture periferiche con il potenziamento delle più grandi strutture che oggi vivono un vero e proprio depotenzi amento, sono strutture ormai al collasso con grande carenza di personale.

In una provincia come quella di Chieti così estesa e con una presenza cosi’ vasta soprattutto nelle aree interne di popolazione anziana la chiusura di determinate strutture crea disservizi enormi.

In futuro l’ente regione non dovrà’ soltanto applicare ciò che ci viene imposto dall'alto senza tener conto delle esigenze del territorio e sopratutto anche nella gestione delle strutture ospedaliere dovrà creare sinergia e rendere partecipe ai programmi operativi gli operatori della sanità, poiché sono coloro che tutti i giorni conoscono le problematiche di determinate strutture e più di ogni altro potrebbero aiutare a capire e trovare soluzioni adeguate.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carbone: "Necessario far partecipare gli operatori sanitari ai programmi operativi"

ChietiToday è in caricamento