rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Politica

‘Cambiare Verso Francavilla al Mare’, Bove: "Ottimi risultati"

le dichiarazioni del Coordinatore cittadino del 'Comitato Renzi' di Francavilla al Mare, Christian Bove

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

“Un ottimo risultato, che assume un valore assai importante visto che ‘Cambiare Verso Francavilla al Mare’, a sostegno di Renzi, ha ottenuto tre delegati su sei in questo che rappresenta solo il primo tempo della competizione che vedrà il secondo tempo l’8 dicembre prossimo con le primarie aperte. Siamo riusciti a riportare a votare tutti coloro che abbiamo convinto a tesserarsi e partecipare a questo nuovo corso del PD. Tant’è che Matteo Renzi, con una lista che vedeva capolista il consigliere comunale Renziano della primissima ora, Enrico Bruno, ha ottenuto, lo ribadisco, un ottimo risultato: ossia tre dei sei delegati alla convenzione provinciale”. Così dichiara il coordinatore del Comitato cittadino di Francavilla al Mare per Renzi Segretario ‘Cambiare Verso Francavilla al Mare’, Christian Bove, che aggiunge: “L’inclusione e l’onestà sono provati dal fatto che abbiamo stabilito insieme che la postazione d’onore spettasse proprio per questo a Enrico Bruno. Perché le battaglie si sostengono non contro, come fanno sempre Di Renzo, La Barba, Anzellotti & Co. - e sempre contro il Sindaco -. ma a favore di un progetto che vede protagoniste persone nuove che, come me, vogliono impegnarsi nella vita pubblica”.

“Dalle dichiarazioni confuse della Anzellotti – sottolinea Bove - abbiamo la riprova che i due  hanno sostenuto Cuperlo e non Renzi, solo, però, per cercare mera visibilità dato che, praticamente, a livello di tessere hanno una scarsa rappresentatività. Del resto né Di Renzo né La Barba sono tesserati Pd”.

“A noi, lo ripetiamo, interessano altre cose e ci siamo impegnati in prima persona a partecipare senza nasconderci, come fa Di Renzo, che non si è nemmeno fatto la tessera. Matteo Renzi la tessera ce l’ha quando vince (ora), e quando ha perso (con Bersani). Sono modi differenti di vedere la vita, tutto qua. Potrebbero fare un circolo dal nome diverso magari chiamandolo ‘Ora e adesso sempre contro Luciani’. Tant’è che non ancora riesco a comprendere perché non hanno me come interlocutore – nonostante li avessi ripetutamente cercati in questi giorni - ma si rivolgono, come fosse un’ossessione, solo verso il Sindaco Luciani, che in questa vicenda c’entra relativamente”.

A proposito dell’appuntamento dell’8 dicembre Bove aggiunge: “In quel caso non si potrà negare ad alcuno di partecipare, come ad esempio è stato fatto con il sindaco e non con personaggi notoriamente di centrodestra. Un risultato ottenuto da una nuova classe dirigente che si mette in gioco a viso aperto rinunciando a mezzucci e spartizioni. Con Cuperlo, voglio ricordarlo, erano schierati il segretario Viani, la capogruppo Di Girolamo e i consiglieri comunali Di Renzo e La Barba, proprio questi ultimi due che fino a ieri si professavano Renziani,  ma, all’atto pratico, scelgono sempre la strada dell’andare contro il Sindaco a tutti i costi”.

“Più che Renziani – continua Bove - li definirei ‘i risentiti’. Diciamo che i nascondini e le giravolte non sono esattamente i metodi che Renzi predica. Partito aperto, primarie sempre sono le linee guida che Matteo Renzi perseguirà e che cambieranno definitivamente i destini del Partito e del Paese”.

“Il PD non potrà che guadagnare consenso e partecipazione da queste nuove modalità. Le recenti elezioni per la scelta del segretario cittadino, che  hanno visto prevalere Viani, vedono comunque un direttivo quasi tutto rinnovato in cui sono presenti moltissimi giovani che saranno protagonisti nelle prossime tornate elettorali e dunque classe dirigente. Ora si tratta di lavorare sodo e di coinvolgere sempre più persone a credere nel progetto di un Partito nuovo e vincente – afferma Christian Bove - che sappia dare speranza e opportunità”.

“Comunque Renzi vince in Abruzzo e arriva a un’incollatura da Cuperlo in Provincia di Chieti, a testimoniare quanto sia grande la voglia di cambiamento anche all’interno del nostro territorio. Giovedì 21 novembre, in occasione dell’appuntamento che si terrà al Museo Michetti alle ore 18:00, “avremo modo di raccontare a Stefano Bonaccini, coordinatore nazionale campagna per ‘Renzi Segretario’, la verità su tante cose…”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

‘Cambiare Verso Francavilla al Mare’, Bove: "Ottimi risultati"

ChietiToday è in caricamento