Sabato, 25 Settembre 2021
Politica

La giunta teatina contro i consiglieri della Lega: "Dov’erano quando l’ospedale perdeva fondi e il Dea di II livello?"

Il sindaco Ferrara e gli assessori replicano ai consiglieri di minoranza che avevano accusato l'amminsitrazione in merito all'abbattimento scongiurato del blocco C del policlinico

“Non ci sembra che il Comune abbia avuto sino ad oggi sulla sanità teatina e, così, anche sulla vicenda della palazzina del blocco C dell’ospedale, un atteggiamento assente e omissivo". Così il sindaco Diego Ferrara e la giunta comunale replicano ai consiglieri della Lega "l’indomani di un incontro in cui l’amministrazione, suo malgrado, non è stata chiamata a partecipare, ci riferiscono, anche per volere della Lega", puntualizzano.

Il caso è l'abbattimento scongiurato del blocco C dell'ospedale Santissima Annunziata.

"Prendiamo atto di tali posizioni - proseguono e assessori - ma non possiamo non rilevare che, di contro, non ci risulta che il gruppo e i consiglieri che ne fanno parte, abbiano avuto un atteggiamento presente e collaborativo sul fronte, con riguardo, ad esempio, alla pandemia e nel contesto degli screening della popolazione che si sono svolti a febbraio e marzo, con l’importante coinvolgimento del Comune. E non ci risulta nemmeno, e lo sottolineiamo con grande rammarico, che la Lega abbia difeso la sanità teatina ogni volta che in questi mesi ha subito una spoliazione: sono stati in silenzio quando si è deciso il trasferimento di Odontostomatologia; silenzio anche quando anche la Dermatologia è stata spostata; silenzio quando la Regione, presentando la nuova rete ospedaliera, ha privato Chieti del Dea di II livello a cui ambiva da anni e avrebbe consentito al nostro presidio di brillare per le sue eccellenze; silenzio, andando a ritroso, anche quando la città ha perso i finanziamenti e la possibilità di avere un  nuovo ospedale; e quando sono svaniti pure i 30 milioni di investimenti su Chieti che verranno utilizzati per ripianare il deficit 2019 delle Asl regionali. Qualcuno, però, ha parlato quando su proposta della minoranza abbiamo attivato un tavolo sulla pandemia, ma solo per dire, il giorno dopo averne preso parte, che era un inutile doppione". Il riferimento è al consigliere leghista Liberato Aceto, che si era detto contrario.

"Al di là della soddisfazione espressa oggi per lo stop all’abbattimento della palazzina - prosegutono Ferrara e i suoi assessori - su cui questa amministrazione chiederà alla Regione e alla Asl informazioni su tempi, progetti e procedure, ci domandiamo quale sia il valore aggiunto del lavoro dei leghisti locali sul fronte sanità. Con la consapevolezza che la sanità è un diritto primario e un bene prezioso per il territorio, il Comune, oltre a un preciso ruolo che affermeremo al più presto con la presidenza del Comitato ristretto dei sindaci Asl, farà tutto quanto è possibile e utile a difesa della sanità, degli operatori e dei presidi teatini, in attesa di conoscere pensieri e proposte del gruppo della Lega, a prescindere dall’occasione mediatica di turno”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La giunta teatina contro i consiglieri della Lega: "Dov’erano quando l’ospedale perdeva fondi e il Dea di II livello?"

ChietiToday è in caricamento