menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
l'assemblea in Provincia per la difesa dei servizi pubblici

l'assemblea in Provincia per la difesa dei servizi pubblici

Bloccate le iscrizioni agli asili nido per affidarli ai privati: la rabbia del comitato in difesa dei servizi pubblici

Mentre il Comune prosegue verso la strada della privatizzazione del servizio, il neonato comitato in difesa dei servizi pubblici all’infanzia e alla persona di Chieti lancia una petizione

Caos e rabbia per il blocco delle iscrizioni negli asili nido comunali di Chieti. E mentre il Comune prosegue verso la strada della privatizzazione del servizio, il neonato comitato in difesa dei servizi pubblici all’infanzia e alla persona di Chieti lancia una petizione per stoppare l’affido ai privati e i tagli al sociale.

Nel testo del documento approvato dal comitato si legge che i tagli al bilancio operati dal Comune di Chieti colpiscono pesantemente la gestione e la qualità dei servizi alla cittadinanza, abbattendosi sui servizi sociali, sull'istruzione, sul piano di zona, sul trasporto scolastico e sui servizi educativi alla prima infanzia.

"Il Comune - affermano - taglia le spese in modo lineare e così facendo taglia i servizi.I tagli colpiscono l'istruzione: azzerati i capitoli di spesa riguardanti i quattro nidi comunali con la volontà di affidarli alla gestione privata, tagliato il trasporto scolastico, tagli al servizio sociale e all'assistenza scolastica, tagliati i fondi per il trasporto dei bambini disabili. Per i cittadini questi tagli significano meno servizi pubblici".

E ancora:

"Il comitato cittadino per la difesa dei servizi pubblici all'infanzia e alla persona ritiene necessario un cambio di visione delle politiche finora adottate che partono dall'assunto che i servizi pubblici siano esclusivamente una spesa. Al contrario noi riteniamo che i servizi pubblici siano un investimento nel territorio e nelle sue risorse, che garantire servizi pubblici di qualità riduca il malcontento e il disagio sociale oltre a compattare il tessuto sociale attorno ad un'idea di benessere comune. I cittadini pagano le tasse e hanno diritto a questi servizi! Pur comprendendo le difficoltà economiche oggettive del Comune, derivanti da scelte politiche sbagliate adottate finora, non possiamo accettare la totale dismissione dei servizi all'infanzia".

Con l’affidamento dei 4 asili ai privati invece, l’amministrazione comunale conta di incassare 1,3 milioni per rispondere ai richiami della Corte dei conti.

La questione era stata sollevata dalla Cgil e riportata sulle nostre pagine oltre due settimane fa. Se dalla maggioranza non è ancora arrivata alcuna dichiarazione ufficiale in merito, le opposizioni si fanno sentire.
 
Il capogruppo del MoVimento 5 Stelle Ottavio Argenio si dice “convinto che l'idea di affidare ai privati la gestione dei nidi comunali non andrà in porto.Mancano pochi mesi a settembre, quando i nidi dovrebbero ricominciare ad accogliere i bambini e con i tempi biblici con i quali sono abituati a lavorare gli uffici comunali, ho seri e fondati dubbi che si riescano a predisporre tutti gli atti necessari ad affidare all'esterno la gestione, soprattutto se, come dovrebbe essere, si seguono i dettami normativi del D. Lgs. 50/2016”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus: in Abruzzo 502 nuovi positivi e 10 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento