Giovedì, 21 Ottobre 2021
Politica

Province salve: la Consulta boccia il provvedimento di riordino

La Consulta ha dichiarato incostituzionale la riforma delle Province contenuta nel decreto Salva Italia. Il riordino ne prevedeva la riduzione solamente in base a criteri di estensione e popolazione

Il riordino delle Province è incostituzionale: la riforma contenuta nel decreto Salva Italia che prevede la riduzione in base ai criteri di estensione e popolazione, non è materia da disciplinare con decreto legge. Così ha sancito ieri la Consulta,  dichiarando illegittimi alcuni punti dei decreti legge varati nel 2011 e nel 2012. La sentenza della Corte Costituzionale ha confermato che le riforme delle istituzioni costitutive della Repubblica non possono essere fatte per decreto legge.  

I COMMENTI - Il vicepresidente dell’Upi, Enrico Di Giuseppantonio,  commenta così la sentenza: “Era impensabile modificare l’assetto istituzionale con un decreto-legge, così come ha evidenziato la stessa Consulta. Il decreto è un atto destinato a fronteggiare casi straordinari di necessità e urgenza, le riforme si fanno in Parlamento ripartendo dall’esame del Codice delle Autonomie Locali che punti a ridisegnare la struttura degli enti territoriali, ne consideri funzioni e competenze con l’obiettivo di semplificarne l’assetto, puntando esclusivamente all’efficienza del sistema e alla rappresentatività sul territorio. Ora bisogna girare pagina.  La Consulta ha ricondotto la sorte delle Province nelle maglie della Costituzione e noi siamo pronti a discutere con serenità per fare riforme serie”.

Aggiunge l’onorevole Fabrizio Di Stefano: "Apprendo con piacere che la Consulta ha dichiarato incostituzionale la riforma delle Province, a seguito della sentenza con la quale la Consulta ha dichiarato l'illegittimità costituzionale della stessa”.

E aggiunge: “Nella scorsa legislatura furono tanti quei soloni che criticarono la mia posizione sull'argomento, avversa allo specifico articolo del provvedimento. Dicevano che la mia fosse una posizione di retroguardia e priva di ogni legittimità. Forse oggi questi soggetti dovrebbero riflettere sulla base di quanto stabilito dalla consulta  e fare pubblicamente un mea culpa".

Questa, infine, la souzione del capogruppo del Pd provinciale, Camillo D'Amico: "Nel merito delle Province bene sarebbe far votare i cittadini laddove sono commissariate e farlo fare alla scadenza naturale di quelle in cui la legislatura è in corso. Numero dei componenti del Consiglio e Giunta vanno commisurate alla vigente legge elettorale degli Enti Locali già applicata per i comuni. Per le funzioni è nel ddl della “carta per le autonomie”, già in avanzato stato di discussione nella precedente legislatura il cui consenso era molto ampio, che vanno trovate le giuste soluzioni".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Province salve: la Consulta boccia il provvedimento di riordino

ChietiToday è in caricamento