menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Una 'Bandiera lilla' per favorire il turismo delle persone con disabilità

La mozione del consigliere regionale Francesco Taglieri (M5s) per avviare la sperimentazione del progetto in Abruzzo

Una 'Bandiera lilla' per favorire il turismo da parte di persone con disabilità: è la mozione presentata da Francesco Taglieri, vicepresidente della commissione Sanità in quota M5s, per avviare la sperimentazione del progetto in Abruzzo e offrire sostegno al turismo disabile.

 “I principi sottostanti la bandiera lilla – spiega Taglieri - costituiscono un’attestazione di sensibilità verso il turismo disabile con particolare attenzione alla disabilità motoria, visiva, uditiva e alle patologie e intolleranze alimentari. Costituiscono un forte stimolo alla promozione dei servizi offerti dai singoli Comuni attraverso una capillare diffusione delle informazioni sull’accessibilità alle strutture ricreative, museali, ai teatri, alle spiagge e alle attrezzature sciistiche sui canali preferenziali dei potenziali utenti. Il ruolo della Regione in questo contesto è di coordinamento e stimolo alla implementazione nei singoli comuni aderenti, anche attraverso l’accesso a fondi di finanziamento pubblico regionale, nazionale ed europeo, messi a disposizione a questi fini”.

Essere un comune ‘Bandiera lilla’ secondo Taglieri  vuole dire attivare una serie di servizi e progetti volti a favorire l’accoglienza di turisti con disabilità garantendo la piena fruizione delle risorse del territorio e offrire un’accessibilità delle strutture pubbliche destinate al turismo che sia superiore alla media. 

“La Regione – continua - deve impegnarsi alla divulgazione e alla crescita del progetto in più comuni possibile poiché siamo davanti a interventi semplici ma che possono avere un grande impatto positivo in termini sociali, economici e culturali. Sul piano di accessibilità e fruibilità si tiene conto dell’accesso alle spiagge ed alle aree verdi, parchi giochi inclusivi con attrezzature comuni per disabili e normodotati in modo da facilitare l’interazione e la socializzazione, progetti per accompagnare persone con disabilità motoria, prossimità dei parcheggi per disabili alle principali attrattive culturali della città. Una vera e propria rete di lavoro sull'accessibilità turistica che va a vantaggio non solo dei turisti disabili, ma anche dei residenti sul territorio: migliorare l’accessibilità vuol dire migliorarla per tutti”.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento