Politica

Azione politica non aderisce alla manifestazione per l'acqua: "No a passerelle politiche senza licenziare atti concreti"

Lo ha reso noto il direttivo al termine della riunione odierna: "Le forze politiche presenti in Consiglio comunale devono manifestare il loro pensiero e dare il proprio contributo nelle sedi istituzionali preposte"

Azione politica non parteciperà alla manifestazione indetta dai cittadini per domani, lunedì 30 agosto, contro la carenza idrica che attanaglia Chieti e alla quale diverse sigle politiche hanno dato adesione.

Lo hanno reso noto Luca Maccione e Serena Pompilio al termine della riunione odierna. "Il direttivo cittadino di Azione Politica Chieti - si legge - ha deciso che il movimento, pur condividendone le motivazione e le ragioni, non parteciperà alla manifestazione indetta per la giornata di domani sul tema della carenza idrica poiché, nonostante la propria posizione a fianco dei cittadini, ritiene che le forze politiche presenti in Consiglio comunale debbano manifestare il loro pensiero e dare il proprio contributo nelle sedi istituzionali preposte".

E ancora: "I consiglieri e gli amministratori sono stati eletti e nominati per portare avanti iniziative e proposte nelle sedi ad hoc deputate: all’uopo si ricorda che, ad oggi, si è ancora in attesa della convocazione di un Consiglio straordinario sul tema la cui richiesta veniva dapprima rigettata dalla Presidenza del Consiglio e ad oggi ancora in sospeso dopo essere stata nuovamente riproposta.

Azione Politica non condivide le passerelle inutili da parte dei soggetti politici che utilizzano strumenti teatrali senza licenziare atti concreti; ritiene, invece, che i protagonisti della manifestazione debbano essere i cittadini, unici costruttivi promotori di questa lodevole iniziativa, cui bisogna lasciare il diritto di protestare giustamente e legittimamente in attesa che chi governa fornisca risposte concrete e non demagogiche".

In questa ottica il gruppo politico definisce incomprensibile la partecipazione alla manifestazione dei membri della maggioranza poichè, "alla ricerca delle luci della ribalta, protesterebbero contro loro stessi continuando ad evitare un confronto politico sulla problematica: questo modo di fare politica non appartiene al movimento.

Azione Politica - conclude la nota - auspica una partecipazione numerosa ed accorata da parte della cittadinanza affinché gli organi politici comprendano definitivamente la gravità della prevedibile situazione, da tempo non più tollerabile, più volte denunciata dalla nostra rappresentante nelle sedi istituzionali preposte senza avere alcun risultato".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Azione politica non aderisce alla manifestazione per l'acqua: "No a passerelle politiche senza licenziare atti concreti"

ChietiToday è in caricamento