rotate-mobile
Politica

Autostrada A24 e A25, il Partito Comunista contro i licenziamenti: "La concessione torni allo Stato"

Il segretario regionale Antonio Felice attacca governo e il Gruppo Toto

“I finti scontri tra la Toto e il Governo dei migliori capitanati dal banchiere Draghi saranno tutti a carico dei lavoratori e della popolazione abruzzese. Infatti, mentre a Roma si discute della revoca della concessione ad Autostrada dei Parchi del gruppo Toto, tra l’altro lautamente ricompensata con 2,5 miliardi di euro, la stessa Toto annuncia esuberi di 150 dipendenti della Toto Costruzioni Spa impegnati nei lavori, pagati dallo Stato, ovvero da tutti noi, di adeguamento sismico delle stesse autostrade A24 e A25”.

A dirlo è Antonio Felice, segretario regionale del Partito comunista Abruzzo. “Quasi contemporaneamente – continua Felice – Autostrada dei Parchi annuncia dal 1° luglio prossimo un aumento dei pedaggi autostradali del 34 per cento che arriveranno ad oltre il 375 per cento nel 2030. La Procura di Teramo, intanto, ha chiesto il rinvio a giudizio, tra gli altri, Carlo Toto, patron della Toto Holding che controlla sia Strada dei Parchi che Toto Costruzioni per ‘inadempimento di contratti di pubbliche forniture’ e ‘attentato alla sicurezza dei trasporti’. L’indagine condotta dalla Guardia di Finanza di Teramo ‘ha riguardato la verifica delle condizioni di sicurezza statica e di efficienza del tratto teramano dell’autostrada A24 (opera strategica di rilevanza nazionale per finalità di protezione civile in zona altamente sismica) e la sussistenza di presunte responsabilità della società Concessionaria nella manutenzione ordinaria e straordinaria dei viadotti autostradali’”.

“Allo stato – prosegue il segretario regionale abruzzese del Partito comunista – attuale diversi sono i cantieri aperti e infatti la viabilità, soprattutto nel tratto della A24 tra il bivio di Torano e Teramo risulta alquanto disagevole per le continue interruzioni per i lavori. Esortiamo dunque il popolo abruzzese a manifestare e a lottare affinché lo stato nazionalizzi il tratto autostradale, garantisca l’impiego delle competenti maestranze, colpite dal licenziamento collettivo, nella ricostruzione della A24 e e della A25 e completi i lavori urgenti che gli abruzzesi attendono".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Autostrada A24 e A25, il Partito Comunista contro i licenziamenti: "La concessione torni allo Stato"

ChietiToday è in caricamento