Indennità di funzione, sindaco e giunta chiariscono: "Parte degli stipendi al sociale e Chieti Sostiene"

"Non apparteniamo a una classe politica che una volta alla guida della città tradisce il patto che ha stretto con la comunità e si aumenta lo stipendio" afferma il primo cittadino

Arrivano i chiarimenti del sindaco di Chieti, Diego Ferrara e della sua giunta sulle tanto discusse indennità di funzione per assicurare che non c’è stato alcun aumento di stipendio, ma che “le risorse saranno devolute a chi è più in difficoltà per la crisi dovuta al Covid”.

Come spiega il sindaco in una nota: “Scadute le determinazioni con il mandato precedente, in giunta abbiamo unanimemente deciso che in parte saranno rivolte al sociale, alle persone e, in particolare, alle famiglie in difficoltà per via dell’emergenza Covid, sostenendo l’iniziativa Chieti sostiene, che abbiamo lanciato qualche giorno fa con la riattivazione del conto corrente bancario dove fare donazioni, in modo che arrivi un aiuto concreto a chi si trova in difficoltà. Alle persone devolveremo i risparmi legati alla parte delle indennità che qualcuno strumentalmente e frettolosamente ha voluto far passare in modo diverso e falso”.

Dunque nessun aumento di stipendio e nessuna appropriazione di risorse pubbliche, “ma solo una diversa idea della pubblica amministrazione e del sostegno a chi ha bisogno che, oltre che con le risorse del bilancio comunale, potrà contare anche sul quelle attinenti al nostro ruolo. Si tratta di un gesto non meccanico – prosegue il primo cittadino - come invece è un taglio delle indennità che mantiene però in bilancio le risorse: la nostra è una decisione che andrà a sostenere Chieti e che dovrebbe trovare d'accordo e partecipe anche chi oggi fa propaganda, ma fino a ieri ha portato la città sul baratro dove l’abbiamo trovata.

Oltre all’esposizione debitoria, la gestione che abbiamo trovato non ha dato ai settori comunali un indirizzo e per anni l'amministrazione si è tutta concentrata sulla risoluzione tampone di criticità quotidiane, senza un minimo orizzonte di medio e lungo termine, depauperando l'Amministrazione sia in termini di risorse umane, di motivazione che a livello economico-finanziario. Appena ci siamo insediati abbiamo trovato un Comune che non era all'altezza del valore e delle potenzialità di una città ricca di storia e cultura qual è Chieti e delle sue intelligenze e competenze in fuga”.

Per quanto riguarda lo staff del sindaco, composto da persone di fiducia,  consentito in base all’articolo 90 del Testo Unico degli Enti Locali, il sindaco precisa: “Stiamo lavorando con l'amministrazione non solo come indirizzo politico, ma con tecnici, progettisti, legali, adoperando il più possibile i nostri mezzi e acquistando il materiale che utilizziamo, per non pesare sulle casse del Comune e, soprattutto, in collaborazione stretta con il personale dell’Ente, questo perché è fortemente carente e per restituire dignità al lavoro dei dipendenti comunali dopo anni di abbandono”. 

Ma a Ferrara non interessa fare polemica: “Abbiamo cose diverse e più importanti di cui occuparci – conclude -  noi stiamo lavorando per invertire il trend che altri hanno provocato in tanti anni e che impedisce alla città di crescere”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • L'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Abruzzo in zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto ma si prova ad anticipare

  • Dopo una telefonata gli clonano il numero e rubano 15 mila euro dal conto: denunciate

Torna su
ChietiToday è in caricamento