menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arrestati i rapinatori di Lanciano: il sindaco Pupillo e il sottosegretario Vacca ringraziano le forze dell'ordine

Il primo cittadino e il sottosegretario pentastellato mettono in rilievo il grande lavoro di carabinieri e polizia, che in pochi giorni hanno trovato una soluzione al caso

Ieri, quando le forze dell'ordine hanno portato via dalla sua abitazione di corso Roma uno dei tre sospettati della rapina nella casa dei coniugi Martelli, a Lanciano, la forza è esplosa in un applauso di gratitudine alle forze dell'ordine

La stessa gratitudine espressa oggi dal sindaco Mario Pupillo, che ringrazia

il lavoro delle forze dell'ordine e degli inquirenti che ha permesso di assicurare in tempi rapidissimi alla giustizia i presunti responsabili dell'efferata rapina ai danni dei coniugi Martelli. Rinnovando la totale fiducia negli organi dello Stato, rivolgo un sincero e sentito ringraziamento alle forze dell'ordine impegnate nella persona del prefetto di Chieti Antonio Corona e alla procura della Repubblica di Lanciano nella persona del procuratore capo dottoressa Mirvana Di Serio. 

Anche il sottosegretario Gianluca Vacca elogia 

le forze dell’ordine e tutti gli organi inquirenti stanno svolgendo un lavoro straordinario, ecco perché come rappresentante del Governo voglio ringraziare personalmente chi si sta spendendo per consegnare alla giustizia tutti i colpevoli di questo efferato crimine. La lotta alla criminalità è un punto fondante del Governo. 

In alcune zone d’Abruzzo la percezione della sicurezza si sta abbassando sempre di più, ed è fondamentale che gli organi preposti a garantire la legalità e a contrastare episodi cruenti come quello accaduto a Lanciano rispondano con determinazione. Ecco perché quello che gli uomini delle forze dell’ordine hanno compiuto a Lanciano è un segnale di grande importanza.

E’ fondamentale che i cittadini si sentano al sicuro nelle proprie città e che sappiano che lo Stato li tutela. Continueremo a lavorare in questa direzione. Dove lo Stato è presente la criminalità non ha ossigeno per crescere. Ci auguriamo che tutti i colpevoli di questo crimine paghino fino in fondo il conto con la giustizia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus: in Abruzzo 502 nuovi positivi e 10 decessi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento