Martedì, 23 Luglio 2024
Politica

"L'area artigianale di Santa Filomena tra promesse e realizzazioni incomplete": i dubbi di Colantonio (Lega)

Il consigliere pone alcune questioni e chiede di fare luce sulla vicenda

"Correva l'anno 2011 quando cominciò a concretizzarsi la realizzazione dell'area artigianale di Santa Filomena attraverso una convenzione edilizia tra la Società Edilizia Colonnetta e il Comune di Chieti. Prima del rilascio delle concessioni edilizie, grazie all'attenzione dell'assessorato competente, furono cedute anticipatamente al Comune tutte le aree destinate alla viabilità principale, alle viabilità secondarie e ai parcheggi pubblici. Questa operazione, rivelatasi provvidenziale, sarebbe stata difficile da attuare successivamente a causa del fallimento della Società attuatrice del piano".

Il consigliere comunale della Lega, Mario Colantonio pone la questione sull'area sede della Tua.

"Tra le aree interessate c'era la viabilità principale, successivamente denominata via Riccio, che collega la Strada Provinciale via per Popoli al tratto di via Aterno (ex Tiburtina Valeria) che fronteggia l'intera area artigianale. Sin dalla formazione del nuovo comparto artigianale (anno 2009), questa viabilità doveva essere utilizzata come bypass stradale per il traffico pesante in entrata e uscita dal TMB di Casoni, al fine di evitare il traffico pesante attraverso il centro abitato di Brecciarola e su via Liri. Purtroppo, il fallimento della Società Edilizia Colonnetta impedì il completamento dei lavori stradali e delle urbanizzazioni primarie.

Nonostante ciò, con l'attenzione dell'assessore competente e degli uffici comunali, si sarebbe dovuto garantire il completamento delle opere tramite la polizza a garanzia delle mancate realizzazioni delle opere di urbanizzazione, stipulata tra la società realizzatrice e la Zurich Insurance. Da allora, una lunga e documentata attività di verifica per quantificare le somme dovute al Comune (circa 500 mila euro) è stata avviata, ma dal 2019 non se ne conoscono gli esiti.

Un'altra speranza venne dalla localizzazione nell'Area Artigianale di Santa Filomena del nuovo piazzale di sosta e manovra della Tua, situato su un ampio terreno di proprietà di un noto imprenditore locale. Nel febbraio 2020, l'allora presidente della Tua (Giuliante) inaugurò un'area di circa 4.500 mq, pavimentata con conglomerato bituminoso e idonea ad accogliere 30 autobus e 10 autovetture, oltre a diverse altre infrastrutture. Esattamente quattro anni dopo, l'attuale presidente della Tua (De Angelis) ha effettuato una nuova inaugurazione, potenziando l'area di sosta e realizzando nuove infrastrutture, portando la capacità totale a 46 mezzi (42 bus da 12 metri e 4 bus da 18 metri).

Tuttavia, in tutta questa storia mancano alcuni tasselli fondamentali: che fine hanno fatto le opere provvisionali a carico dell'imprenditore locale che ha locato l'area alla Tua, opere che includevano una serie di realizzazioni per conformare l'area alla movimentazione degli autobus in entrata e uscita da via Riccio, la viabilità principale di accesso all'intera area artigianale?

Le opere riguardavano la realizzazione di un rondò di connessione a via Aterno e il completamento di via Riccio con la sistemazione del tappetino di usura, ancora mancante, per evitare il danneggiamento dei tombini sferoidali e relativi pozzetti, rendendo la strada impraticabile per il traffico pesante e per gli autobus, costretti a percorsi alternativi e più onerosi.

Sebbene la zona artigianale, con la grande rimessa Tua, abbia guadagnato notorietà, favorendo nuovi insediamenti grazie alle vendite dei lotti all'asta fallimentare, la cittadinanza di Chieti ne esce sconfitta. In particolare, i residenti di Brecciarola subiscono il traffico dei compattatori diretti al Tmb di Casoni e quelli che percorrono via Liri vivono quotidianamente su un piano viario dissestato.

La politica locale, nonostante l'attenzione amministrativa e la volontà di rendere funzionale e utile la cosa pubblica, è stata scavalcata dagli interessi economici dei privati e dagli enti sovracomunali. È arrivato il momento di fare piena luce su tutta la vicenda e di far valere i diritti dei rappresentanti del popolo, accedendo agli atti concessori vecchi e nuovi per capire dove si è 'inceppata' la pratica".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"L'area artigianale di Santa Filomena tra promesse e realizzazioni incomplete": i dubbi di Colantonio (Lega)
ChietiToday è in caricamento