Assegnazione dell'autoporto di San Salvo, il Pd: "Finalmente si recupera un bene pubblico inutilizzato"

Il capogruppo Paolucci e i sindaci di centronistra accusano di "lentezza" le forze politiche di maggioranza in Regione

Il capogruppo Pd Paolucci

Anche il Partito Democratico, nella seduta di ieri del consiglio regionale, ha votato favorevolmente al punto all'ordine del giorno sull'autoporto di San Salvo

"Pur ritenendo - dicono in una nota il capogruppo Silvio Paolucci, il Pd San Salvo e i sindaci del centrosinistra - superfluo e 'non necessario' il passaggio in consiglio regionale come sottolineato anche dal presidente Marsilio che ringraziamo per la precisazione fatta e per l’impegno profuso in queste settimane in merito alla proposta di acquisto avanzata dalla K2 Engineering".

"La lentezza messa in campo in queste ultime settimane dalle forze politiche di maggioranza in Regione - accusano - e in particolar modo dagli esponenti della Lega, avrebbe potuto mettere a rischio un’operazione importante per San Salvo e per il vastese. Con questa operazione, tra l'altro senza un centesimo di euro di soldi pubblici, si riabilita oggi un bene pubblico da sempre inutilizzato e che oggi troverà una sua caratterizzazione e funzionalità a differenza di altri siti proposti dai sindaci della Val di Sangro - aggiungono - che altro non avrebbero fatto che togliere terreno all’agricoltura a fronte anche di una complessa procedura di modifiche di piani e vincoli ambientali che avrebbero comportato lungaggini burocratiche con la possibilità tra l'altro di inficiare ripensamenti da parte della K2 Engineering di insediarsi nella nostra Regione. Ringraziamo i sindaci del vastese per aver difeso, uniti e compatti, l’investimento in questione comprendendone l’importanza".

Gli esponenti del Partito Democratico invitano la sindaca di San Salvo, Tiziana Magnacca, "a proseguire con celerità la strada intrapresa assieme agli altri sindaci del territorio, evitando di cadere in tentennamenti, confusioni e operazioni perditempo generate dalle beghe interne al centrodestra e in particolar modo dagli esponenti della Lega Abruzzo a solo discapito del territorio e dei cittadini. Siamo soddisfatti del risultato raggiunto, certi che l’Arap procederà con il dovuto atto per che completare l'operazione che cambierà, in positivo, i connotati del nostro territorio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'Abruzzo cambia idea: "Ritorno in zona arancione dal prossimo 4 dicembre"

  • Nuove assunzioni alla De Cecco dal 2021: ecco il piano industriale

  • L'Abruzzo non uscirà dalla zona rossa il 4 dicembre: manca solo l'ufficialità

  • Covid-19: cambia lo scenario in Italia, ma l'Abruzzo resta 'rosso'

  • Abruzzo in zona rossa fino al 10 dicembre in base al decreto ma si prova ad anticipare

  • Dopo una telefonata gli clonano il numero e rubano 15 mila euro dal conto: denunciate

Torna su
ChietiToday è in caricamento