menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il consigliere del Pd Marzoli "Pagheremo per vent'anni le scelte del sindaco"

Tra due giorni in consiglio comunale il bilancio porterà all’attenzione dell’assise civica i previsti tagli al sociale, la privatizzazione degli asili e la potenziale vendita di una farmacia comunale

Tra due giorni in consiglio comunale il bilancio porterà all’attenzione dell’assise civica i previsti tagli al sociale, la privatizzazione degli asili e la potenziale vendita di una farmacia comunale.

Il consigliere comunale del Pd, Alessandro Marzoli, invita il sindaco Umberto Di Primio e la giunta a prendere coscienza dei grandi rischi attesi per la città di Chieti.

“La cortina di fumo che si sta alzando in questi giorni per camuffare delle scelte idonee solo a fare cassa nell’immediato, sono un’altra maschera di cartapesta che servirà solo a far ingoiare decisioni dolorosissime – dice il consigliere Marzoli - Il mezzo passo indietro sulla privatizzazione degli asili rischia di essere solo temporaneo, ci sarà poi tempo per privatizzare tutte le strutture. E ancora sulle farmacie, si parte oggi con una vendita, peraltro senza alcun  propedeutico atto formale, per arrivare presumibilmente alla vendita di tutte le strutture comunali”

Scelte che, secondo Marzoli, rischiano di compromettere per vent’anni il futuro della città.

Il politico del Pd rimanda al mittente l’accusa fatta a mezzo stampa dal Sindaco che ha appellato i consiglieri di opposizione, terroristi politici.

“I consiglieri di opposizione, questi terroristi politici, hanno a cuore le future generazioni teatine e per questa ragione, secondo il mandato affidato dagli elettori, continuano da anni a fare proposte e intervenire per evitare danni ulteriori alla nostra comunità: intercettare fondi europei, politiche adeguate per il recupero dei crediti verso il comune, monitoraggio e controllo della spesa con adeguati piani industriali delle società partecipate”.

Invitiamo tutti i cittadini ad assistere al Consiglio Comunale di lunedì 28 maggio, dove combatteremo con tutti i mezzi a disposizione per scongiurare che siano compiute scelte di cui ci pentiremo amaramente. 

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento