menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
l'albero caduto in via della Liberazione

l'albero caduto in via della Liberazione

Alberi pericolanti in città, Marzoli: "Evitare i tagli, ma garantire la sicurezza dei cittadini"

In un'interrogazione il consigliere teatino chiede cosa è stato fatto per la salvaguardia del patrimonio arborero. Sabato l'albero caduto in via della Liberazione

Cosa intende fare l’amministrazione comunale per salvaguardare il patrimonio arboreo cittadini? Lo chiede il consigliere comunale Alessandro Marzoli in un’interrogazione al consiglio comunale.

Sabato all’alba un grande albero di acacia è caduto in via della Liberazione, fortunatamente senza provocare danni. Cinque anni fa l’abbattimento degli alberi nella vicina via Ricci, sempre a ridosso della villa comunale, in occasione dei lavori di pavimentazione. "Alberi mai sostituiti con nuove piantumazioni, come era invece stato promesso" sottolinea Marzoli. Sono due facce della stessa medaglia, oltre alla mancata messa a dimora di nuovi alberi allo Scalo. 

Il problema principale, a detta di Marzoli, è la mancanza di attenzione verso il verde negli ultimi anni. Quanti controlli sono stati effettuati dal 2011 ad oggi sullo stato di salute degli alberi in via Ricci e in via della Liberazione? L’amministrazione comunale è in possesso di perizie o analisi sullo stato di salute e sulla stabilità degli alberi ? Quanti ne sono stati tagliati negli ultimi cinque anni nel territorio comunale di Chieti? Esiste un piano dettagliato dell’ amministrazione comunale per futuri abbattimenti di alberi nel territorio comunale di Chieti nei prossimi mesi e, se sì, cosa lo stesso prevede? A queste ed altre domande inviate da Marzoli dovrà rispondere il sindaco con la sua giunta.

“Il punto importante non è evitare tagli e basta – spiega ancora il consigliere del Pd -  ma evitare tagli garantendo la sicurezza dei cittadini con un monitoraggio costante sullo stato di salute dei nostri alberi, per non arrivare dopo anni ad essere costretti a rimuovere molte più piante di quanto magari non sia necessario intervenendo prima. Molti alberi oggi inevitabilmente da tagliare potevano essere curati”.

LA PROPOSTA - Oltre all’interrogazione, il consigliere sta preparando per la VI Commissione un proposta di regolamento ad hoc finalizzata alla tutela del patrimonio arboreo, con l' allegata richiesta di applicare e rispettare le leggi sulle nuove piantumazioni, ed una proposta per avere, con un intervento sostenibile, la messa a dimora di nuovi alberi a Chieti Scalo.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento