Ripensare il trasporto pubblico: un’azienda abruzzese accetta la sfida del post-covid

L’azienda è pronta a rilanciarsi, continuando il processo di rinnovamento inaugurato nel 2019

La recente pandemia di Covid-19 e le misure precauzionali e di distanziamento sociale adottate dal governo per contenere la diffusione del virus hanno avuto – e continuano ad avere – un impatto senza precedenti sulla nostra quotidianità e sui nostri comportamenti di tutti i giorni.

Se tutto questo ha validità generale, in alcuni settori le conseguenze della pandemia sono state particolarmente evidenti, aprendo scenari del tutto inediti e imprevedibili. Questo è il caso del mondo dei trasporti pubblici, che sì è trovato a dover affrontare una sfida estremamente complessa: continuare a espletare un servizio indispensabile per la comunità, garantendo al tempo stesso il rispetto dei protocolli sanitari per tutelare la salute dell’utenza.

Le realtà virtuose del settore, però, non hanno subito passivamente questo stato di cose, bensì hanno accolto il richiamo di questa sfida ripensando con spirito d’iniziativa e in chiave innovativa il trasporto pubblico e le sue logiche.

Questa è esattamente la direzione intrapresa da TUA – Società Unica Abruzzese di Trasporto – che sta mettendo in atto una serie di provvedimenti sinergici legati alla riapertura delle scuole, dialogando e coordinandosi con tutti gli attori coinvolti – Regione Abruzzo, enti locali e istituzioni scolastiche – per garantire a studenti e lavoratori, una mobilità pubblica il più efficace e puntuale possibile, nel pieno rispetto delle misure di sicurezza anti-Covid. 

Dopo l’ordinanza numero 74 del 14 giugno 2020 disposta dal Presidente della regione Abruzzo, si possono, per esempio, utilizzare anche verticalmente le sedute, con un conseguente maggiore indice di riempimento dei mezzi.

Nonostante questo aumento di spazi occupabili, non è comunque possibile superare il 60% dei posti consentiti dalla carta di circolazione dei vari veicoli: vien da sé che la gestione del trasporto pubblico in concomitanza delle riaperture scolastiche non può fare a meno di quella programmazione mirata e sinergica studiata in queste settimane da TUA.

Questa capacità di sapersi adattare alle contingenze e innovarsi non deve sorprendere: essa fa parte del DNA di TUA. Il 2019 è stato infatti l’anno di una politica di rinnovamento di ampio respiro che ha portato alla riorganizzazione aziendale su tutti i livelli e all’ammodernamento della flotta di TUA: lo scorso anno sono stati immessi in esercizio 56 nuovi bus, mentre nei primi sei mesi del 2020 sono stati acquistati altri 55 autobus, a cui se ne aggiungeranno ulteriori 45 entro fine anno.

Numeri importanti, così come quelli relativi al personale: 1426 dipendenti, di cui 1152 che operano nel ramo gomma144 in quello ferroviario e 130 amministrativi.

A coronamento di questo straordinario lavoro di rinnovamento e ammodernamento, c’è infine il bilancio del 2019.

Il primo bilancio della gestione di TUA, a guida Gianfranco Giuliante, si chiude infatti con un utile di circa 90 mila euro e un valore della produzione di oltre 124 milioni di euro, nonostante un’ulteriore significativa riduzione della contribuzione pubblica (2,7 milioni di euro).

Tra i vari numeri del bilancio d’esercizio 2019 alcuni risultano particolarmente significativi: l’ulteriore abbattimento dei costi rispetto all’anno precedente e la riduzione dei costi per il personale – pari a 3,3 milioni di euro – raggiunta grazie a il sopracitato processo di ottimizzazione ed efficientamento dell’azienda.

In Evidenza

I più letti della settimana

  • Torna l’ora solare e guadagneremo un’ora in più di sonno

  • Traffico paralizzato in centro per l'auto dei vigili in divieto di sosta: multati dai loro colleghi

  • Le migliori pizzerie 2020 di Chieti e provincia secondo 50 Top Pizza sono cinque

  • In provincia di Chieti 32 comuni di montagna rischiano di scomparire: arrivano contributi dalla Regione

  • Furto con scasso in una pizzeria del centro di Chieti, il titolare pubblica le foto dei ladri sui social: "Chi li riconosce?"

  • Da Forlì a Chieti: il tenente colonnello d'Imperio è il nuovo comandante del reparto operativo dei carabinieri

Torna su
ChietiToday è in caricamento