Immatricolazioni 2020: a gennaio sono diminuite del 7,5%

A gennaio 2020 le immatricolazioni sono diminuite del 7,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno

In calo le vendite delle auto nuove in Europa. A gennaio 2020 le immatricolazioni sono diminuite del 7,5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. L’Italia, tuttavia, registra il dato migliore: la contrazione è pari al 5,9%.

La Nazione che ha subito il calo maggiore è stata la Francia, con una riduzione del 13,4%. Germania e Regno Unito hanno perso il 7,3% e la Spagna il 7,4%.

In tutti i Paesi dell’Unione Europea le vendite sono scese da 1.034.407 a 956.779 unità.

Le case automobilistiche: migliori e peggiori

Volkswagen è il brand più apprezzato in Europa con 254.872 nuove immatricolazioni di auto. Il Gruppo tedesco ha perso solo lo 0,4% rispetto a gennaio 2019. Al secondo posto troviamo PSA, che ha perso il 12,9%, seguito da Renault in calo del 16,3%.

La Fiat Panda è l'auto più venduta nel 2019

Notizie negative anche per FCA (-6.7%), in particolare spicca il brand Alfa Romeo che ha registrato una riduzione delle vendite del 29,6%. In flessione anche Mercedes e Smart (-10,4%) e Ford, che ha perso il 22,7%.

Positive, invece, le vendite per BMW, marchio cresciuto del 5,2% con 61.244 vendite, e Toyota che ha registrato un +12,2% con 60.355 nuove auto.

Accessori auto: i più venduti sul web

AmazonBasics Rivestimento per sedile dell'auto

Organizer Bagagliaio Auto

Profumatore Umidificatore

Kit di Primo Soccorso

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • È scomparso a 30 anni l'imprenditore della movida Ivan Vaccaro

  • Le sue canzoni e la musica di Baglioni per l'ultimo saluto a Ivan Vaccaro - FOTO e VIDEO

  • Tutto l'Abruzzo in lutto per la morte di Ivan Vaccaro: il ricordo dell'amico del cuore e dei suoi cari

  • Saturimetro: perché acquistarne uno e i migliori in commercio

  • Vincita fortunata alla tabaccheria Filippone: incassa 10mila euro con un gratta e vinci da 5

  • Vaccini anti Covid, al via le prenotazioni per i cittadini tra i 60 e i 69 anni

Torna su
ChietiToday è in caricamento