Gli abruzzesi preferiscono le auto usate: +2,5% nel 2019

L’Abruzzo e gli abruzzesi puntano sui prodotti di seconda mano: il 2019 chiude con il +2,5% per quanto riguarda le vendite delle auto usate

L’Abruzzo e gli abruzzesi puntano sui prodotti di seconda mano: il 2019 chiude con il +2,5% per quanto riguarda le vendite delle auto usate. Un mercato in continua crescita, che registra il segno positivo rispetto al 2018 e che punta ancora molto sul diesel e poco sulle alimentazioni green.

Decisamente in controtendenza rispetto al nuovo, dove i motori a benzina vanno per la maggiore e ibride ed elettriche hanno iniziato a conquistare una bella fetta nel quadro delle quattro ruote.

L’età media delle vetture in vendita è di 9,6 anni, il prezzo medio è di € 11.985.

L’auto usata più venduta in assoluto è la Fiat Panda, che occupa il primo posto anche nella classifica delle auto nuove più vendute in Italia. Per quanto riguarda le ibride spicca la Toyota C-HR e tra le elettriche la Renault Zoe.

Il quadro che emerge dall’Osservatorio di AutoScout24 mostra che, tra le quattro province, Chieti è la prima per passaggi di proprietà ma rispetto alla popolazione residente maggiorenne L’Aquila è la più dinamica. Pescara è la più cara e L’Aquila la più economica

Secondo l’elaborazione del Centro Studi di AutoScout24 su base dati Aci, nel 2019, rispetto al 2018, i passaggi di proprietà sono infatti aumentati del +2,5% (a livello nazionale è +0,5%), raggiungendo 67.273 atti. Un dato che posiziona l’Abruzzo al 15esimo posto in Italia per numerosità, ma se si confrontano i dati con la popolazione residente maggiorenne la nostra regione si posiziona al 13esim posto assoluto con 610,8 passaggi netti ogni 10mila abitanti.

I passaggi di proprietà aumentano in quasi tutte le province e al primo posto per numerosità troviamo Chieti con 19.375 (-0,2%), seguita da Teramo con 16.125 (+2,0%), Pescara con 15.887 (+5,3%) e L’Aquila con 15.886 (+3,5%). Ma rispetto alla popolazione residente maggiorenne la situazione è ben diversa: al vertice troviamo L’Aquila con 627,5 passaggi ogni 10.000 abitanti, seguita da Teramo (624,3), Pescara (598,7) e, fanalino di coda, Chieti (597).

Le ricerche degli abruzzesi

Se nel nuovo il diesel ha registrato una contrazione a livello nazionale di ben il -22,2% rispetto al 2018, nell’usato il gasolio si conferma ancora una volta la scelta preferita. Secondo i dati interni di AutoScout24, ben il 59% delle richieste totali ricevute dagli utenti della regione nel 2019 riguarda vetture diesel. In tutte le regioni la domanda di auto a gasolio supera la metà delle richieste, con punte in Puglia (71%), Basilicata (68%), Umbria (66%) e Molise (66%).

E le green? I numeri interni di AutoScout24 mostrano come questo mercato dell’usato in regione sia ancora agli inizi, con valori di richieste sul totale di appena lo 0,7% per le auto ibride e dello 0,3% per le elettriche, un dato da contestualizzare con il prezzo medio più elevato rispetto alle auto tradizionali e la scarsa reperibilità di usato per questi modelli.

Per quanto riguarda i modelli più richiesti vince in assoluto la Fiat Panda, ma se si prendono in considerazione solo le vetture “più ecologiche” troviamo tra le ibride la Toyota C-HR e tra le elettriche la Renault Zoe.

I prezzi delle auto usate in Abruzzo

Nel 2019 il prezzo medio di vendita si attesta a circa € 11.985, un dato inferiore sia alla media nazionale (€13.715) sia a Paesi come Germania (€ 17.750), Austria (€ 17.685), Belgio (€ 16.205) e Olanda (€ 15.280).

Per acquistare una vettura, tra le province “più care” troviamo ai primi posti Pescara con un prezzo medio di € 13.975 e Teramo con € 11.645. Seguono Chieti con € 11.445 e la “più economica” L’Aquila con € 10.530.

I prezzi salgono se si considerano le vetture usate elettriche € 15.890 o ibride (€ 24.105).

L’età media delle vetture usate in Abruzzo

È leggermente aumentata, passando da 9,2 del 2018 a 9,6 anni del 2019. Un dato che probabilmente rispecchia la situazione del Paese e che conferma ancora una volta come l’auto, oggi, accompagni gli automobilisti per periodi più lunghi della loro vita. In sintesi, si cambia quando è necessario. Sergio Lanfranchi, Centro Studi AutoScout24, afferma:

Dall’analisi dell’Osservatorio di AutoScout24 emerge chiaramente come il diesel rappresenti tuttora l’alimentazione preferita per chi decide di acquistare un’auto usata. Se da un lato l’attenzione per le vetture ibride ed elettriche sta sicuramente crescendo, dall’altro il mercato dell’usato green è ancora agli inizi a causa principalmente del prezzo di ingresso nettamente superiore a quello delle alimentazioni più classiche. Siamo certi che in futuro si favorirà la nascita di un’offerta di auto elettriche e ibride di seconda mano sempre più accessibile, consentendoci di raggiungere nuovi traguardi in tema di mobilità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Parrucchieri ed estetiste aperti anche nei comuni con maggiori restrizioni, fissata la riapertura delle scuole: Marsilio firma l'ordinanza

  • Pizza scima: la ricetta della focaccia “a rombi” senza lievito

  • "La gravità sintomi Covid può dipendere dal dna": lo studio dell'università di Chieti

  • Covid-19, misure restrittive per 33 comuni in Abruzzo: il testo dell'ordinanza

  • Coronavirus: 246 positivi (su 6055 test) e 11 decessi, record di ricoveri in terapia intensiva

  • Approvato il nuovo Dpcm: sarà valido dal 6 marzo al 6 aprile

Torna su
ChietiToday è in caricamento