Il Teatro del Paradosso in scena con “Mio nonno l'olivo” ad Atessa e Gessopalena

  • Dove
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 19/02/2016 al 20/02/2016
    21
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Tornano gli appuntamenti dedicati alla prosa il 19 e 20 febbraio rispettivamente al Teatro A. di Jorio di Atessa e al Teatro Comunale di Gessopalena. L'appuntamento per questo week end è con "Mio nonno l' olivo" del Teatro del Paradosso, un appuntamento organizzato dall'ACS Abruzzo Circuito Spettacolo in collaborazione con i due Comuni chietini. Lo spettacolo va ad aggiungersi alle stagioni 2015/2016 dei due teatri.

Regia di Paolo Roncone, con Paolo Roncone e Matteo di Claudio, musiche dal vivo Matteo Di Claudio, musiche originali di Roncone / Di Claudio. Mio nonno l'olivo. Un mondo che scompare nel Mio nonno l'olivo di un uomo che, giunto al tramonto della propria esistenza, vede nel nuovo che avanza l'inesorabile fine anche del rapporto dialettico tra l'uomo e la natura, l'uomo e il divino.

La tecnologia può aiutare a non interrompere il ciclo naturale? L'uomo, arrivato nella piantagione di olivi per la potatura stagionale, è scettico, perché nonostante le mirabolie della scienza, vede intorno a sé abbandono, incuria, piante lasciate morire incolte. L'olivo, l'alter ego del protagonista, viene soppiantato dal tabacco, più redditizio. Oppure viene estirpato per costruire nuovi palazzi. Ed è come se il cemento arrivasse addosso al potatore, lo sommergesse bloccando la vita del terreno, delle piante, dell'uomo, seccandone l'anima.

Lo Stato, l'organizzazione sociale, è lontano, con la sua andatura burocratica ingessata. Interviene con carte bollate, tempi biblici e delibere misteriose come presso il letto di un moribondo, con la consapevolezza di non poter far nulla contro la prepotenza del nuovo corso che avanza. Dove andrà a finire la sapienza del contadino, dello stagionale, dell'artigiano dopo il trapasso di questi mestieri?

E' la domanda che aleggia nel racconto di Fausto Roncone che, come un vecchio cantastorie, altro mestiere scomparso, ci invita ad entrare in questo dialogo con l'olivo, ora in mezzo ai campi, ora davanti al focolare, ora in un'arringa pubblica contro un nemico impalpabile.

E, con il supporto dell'organettista Matteo Di Claudio che con il suo diciotto bassi, evoca mondi poetici nei quali si addentra il narratore come na nu bosche di live, continua l'incanto del racconto.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Eventi per bambini e ragazzi per il Giorno della memoria e altre ricorrenze

    • dal 22 al 28 febbraio 2021

I più visti

  • "Sangiò legge" si sposta sul web: in diretta Facebook la rassegna letteraria di San Giovanni Teatino

    • Gratis
    • dal 5 novembre 2020 al 22 aprile 2021
  • Prosegue "La virtuale": la mostra fotografica interattiva che si può visitare 24 ore su 24

    • Gratis
    • dal 1 dicembre 2020 al 28 febbraio 2021
  • Eventi per bambini e ragazzi per il Giorno della memoria e altre ricorrenze

    • dal 22 al 28 febbraio 2021
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    ChietiToday è in caricamento