menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Torna domenica Urban Nature: il Wwf libera una poiana alla Villa Comunale

Iniziative con Museo universitario, Carabinieri Forestali, SHI e Oasi di Penne. Si comincia alle 9,30 con la liberazione di una poiana

Domenica 7 ottobre torna in tutta Italia l’evento Wwf “Urban Nature – Diamo spazio alla Biodiversità”.

Chieti sarà tra le 40 città italiane dove famiglie, bambini, adulti di ogni età potranno vivere la natura. Quest’anno il Wwf punterà i riflettori sugli effetti che provoca la vita in un ambiente artificiale dove la natura e la salute vengono spesso al secondo posto e dove i più piccoli sono anche i più colpiti. Si proporranno ad amministratori, comunità, cittadini, imprese, università e scuole nuove soluzioni per promuovere, proteggere e rilanciare la biodiversità. In occasione di “Urban Nature”, infatti, il Wwf lancerà a livello nazionale un nuovo Report dal titolo “Benessere e Natura: Città verdi a misura di bambino” che affronterà il tema del valore della natura per il benessere umano.

A Chieti l’appuntamento è alle 9.30 alla villa comunale (in caso di maltempo al Museo universitario) con eventi e banchetti informativi di Wwf, Servizio CITES dei carabinieri forestali, Museo universitario, Societas Herpetologica Italica e Oasi WWF Lago di Penne. Saranno presenti e premieranno i primi tre classificati al Concorso fotografico abbinato a Urban Nature anche il comandante provinciale dei Carabinieri Forestali di Chieti, col. Nevio Savini, il Direttore del Museo Luigi Capasso,  e il delegato regionale del Wwf Italia Luciano Di Tizio.

Si comincerà con la liberazione di una poiana, un grosso rapace diurno curato dal Centro Recupero Biodiversità dei Carabinieri Forestali di Pescara, quindi giochi, informazioni, visite guidate.

“Quello che proponiamo – sottolinea la presidente del Wwf Chieti-Pescara Nicoletta Di Francesco - è non solo di approfondire la nostra conoscenza della varietà della natura in città, ma anche e soprattutto di far sì che questa conoscenza si tramuti in un impegno concreto nel favorire la biodiversità urbana. Come? Con interventi e iniziative che migliorino la presenza della vegetazione (alberi, siepi, prati sono sempre meglio del cemento e dell’asfalto), parchi e orti urbani, che arricchiscano insomma la varietà della vita nelle nostre città. Saremo proprio noi a beneficiarne per primi”.

La manifestazione è organizzata dal Wwf in tutta Italia con il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e dell’Anci, e in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, l’Associazione Nazionale Musei Scientifici, l’Arma dei Carabinieri e l’Agesci.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Amaretti abruzzesi: cosa sono e la ricetta per prepararli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento