menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Legge regionale per la 'valorizzazione dei Trabocchi', il Forum: "No all'estensione"

Il comitato chiede al Comune di Vasto di non recepire la legge regionale che prevede le "disposizioni per il recupero e la valorizzazione dei trabucchi della costa abruzzese"

"La sola probabilità che l’amministrazione comunale di Vasto possarecepire la Legge regionale relativa ai trabocchi non può che allarmarci". A dirlo è il Forum che si dice contrario alla legge numero del 2019 ("Disposizioni per il recupero e la valorizzazione dei trabocchi della costa abruzzese".

Secondo il gruppo ecologista la legge "rende possibilel’estensione dei trabocchi esistenti e procedendo su questa strada la costa vastese vedrebbe infatti una radicale trasformazione che non ha nulla a che vedere con latutela ambientale, ecologica e paesaggistica di questi luoghi, nécon il così tanto sbandierato turismo sostenibile".

Il Forum sottolinea che "proprio in virtù di quella norma, a ogni trabocco, sarebbe concessa una superficie massima complessiva di ben 2 mila metri quadrati che in definitiva li trasformerebbe in vere e proprie mega strutture riettive in mare, non compatibili con la valorizzazione del patrimonio culturale e marinaro di questo territorio.Vasto è la città che conta il maggir numero di trabocchi presenti lungo la costa e, semmai la norma regionale venisse realmente recepita, nel giro di poco tempo i vastesi si ritroverebbero un paesaggio costiero completamente trasformato per la presenza di enormi costruzioni che non avrebbero più niente a che fare con latradizione traboccante".

Gli ecologisti ricordano che la Costa dei Trabocchi "è sottoposta a stringenti vincoli ambientali, paesaggistici eurbanistici dettati sia da orme nazionali che regionali, e i dubbiriguardo al loro pieno rispetto, laddove vi fossero questi importanti ampliamenti, sarebbero ancora maggiori. Numerose sono infatti le domande che necessitano di dettagliate epuntuali risposte: dove finiscono le acque dei servizi igienici, odegli scarichi delle cucine o quelle con i detersivi delle pulizie? Come sarebbero gestiti i parcheggi posto che i regolamenti comunali fissano parametri stringenti per tutte le attività ricettiveprevedendo uno spazio minimo a disposizione per ogni cliente?".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È scomparso a 30 anni l'imprenditore della movida Ivan Vaccaro

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento