Green

Puliamo il mondo a Roccamontepiano: bonificata l'area Marcazilli

La giornata di impegno civico per pulire il paese dalle discariche abusive. Oltre venti volontari all'opera sin dalle prime ore del mattino

Un crocevia tra la una strada comunale asfaltata ed una rurale sterrata, uno slargo e di lì a poco una scarpata che degrada fino a diventare un dirupo a ridosso di alcuni profondi calanchi. Lo scenario è lo stesso in migliaia di posti nel nostro verde Abruzzo ma ciò che colpisce sempre è la stupidità umana che ha una sola grande costante e cioè quella di trasformare questi luoghi in vere e proprie discariche a cielo aperto., nonostante i divieti e le norme di legge.

Su questo fronte il Comune di Roccamontepiano si è mobilitato per bonificare una discarica abusiva presente nei pressi lungo alcuni calanchi proprio all'ingresso del paese venendo da Fara Filiorum Petri. Oltre venti volontari sabato mattina, armati di guanti e sacchi hanno tirato fuori da una scarpata di 200 metri quadri bottiglie di vetro, plastica, rifiuti indifferenziati, sanitari dismessi, materassi, frigoriferi, pneumatici e quant'altro viene indicata come "monnezza".

L'amministrazione comunale ha chiamato a raccolta i cittadini che in occasione della campagna nazionale promossa da Legambiente denominata "Puliamo il mondo", hanno voluto dare il proprio contributo a migliorare un'area depredata. Tra i volontari anche molti ragazzi del Centro di Accoglienza "L'Asilo" in attesa del riconoscimento dello status di profughi. "Da oltre tre mesi il Comune è riuscito a coinvolgerlo in attività di volontariato per pulire i paese - sottolinea il sindaco Adamo Carulli - Il centro, gestito dal consorzio Matrix sta dando un contributo decisivo a tutte le iniziative di pubblica utilità che si stanno promuovendo in paese tanfo da essere un modello di accoglienza e convivenza anche per altre realtà".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Puliamo il mondo a Roccamontepiano: bonificata l'area Marcazilli

ChietiToday è in caricamento