menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Iniziano i lavori della Via Verde Costa dei Trabocchi, gioisce la FIAB Abruzzo-Molise

"Si avvia a compimento una idea coltivata da anni" dicono. Sabato l’inaugurazione della cantierizzazione del progetto

Con l’inaugurazione della cantierizzazione del progetto della Via Verde della Costa dei Trabocchi, prevista per sabato 16 dicembre prossimo, si avviano i lavori per l'ultimo tratto mancante alla ciclovia costiera abruzzese, finanziata dal progetto Bike to Coast.

Soddisfatta la FIAB - Federazione Italiana Amici della Bicicletta - promotrice della ciclovia adriatica. "E' un progetto che parte da lontano - dichiara Alessandro Tursi, vicepresidente nazionale FIAB  - da quando la Federazione, nel 2001, a seguito della Delibera CIPE n.1, relativa al "Piano Generale dei Trasporti e della Logistica", dove si impegnava l'allora Ministero dei Trasporti «… a sviluppare un apposito studio sulla fattibilità di una rete di percorribilità ciclistica nazionale…», su incarico del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio, ideò un apposito studio di fattibilità, che poi portò alla creazione della rete BicItalia FIAB (www.bicitalia.org)”

La rete, oggi composta da 21 itinerari, è stata poi parzialmente ripresa nel sistema delle Ciclovie Turistiche Nazionali che vede, tra gli itinerari di prossimo finanziamento, la Ciclovia Adriatica, nel tratto da Trieste fino al Gargano, che passerà sulla costa abruzzese e che, con l’avvio dei lavori del tratto teatino, si candida ad essere uno dei percorsi più suggestivo dell’intero tracciato.

“Come FIAB – continua Tursi – essendo Centro nazionale di coordinamento per lo sviluppo della rete ciclabile europea "EuroVelo" (la rete di percorsi ciclabili europei – www.eurovelo.org)  in Italia, stiamo lavorando per far entrare la Ciclovia Adriatica all’interno delle rete ciclistica europea, come prosecuzione dell’itinerario n. 9 che parte della Polonia attraversando Repubblica Ceca, Austria e Slovenia, in modo da collegare le regioni adriatiche italiane con il nord Europa e con l’estesa rete di percorsi utili per il turismo in bicicletta e gli spostamenti quotidiani su due ruote”.

Il completamento della ciclovia costiera è solo uno dei risultati raggiunti da FIAB in Abruzzo: dalla Legge Regionale n. 8 del 2013 sulla mobilità ciclistica, al trasporto gratuito delle biciclette sui treni, fino ai protocolli di intesa per lo sviluppo della Ciclovia Adriatica stipulati con la Regione Abruzzo e con le altre regioni adriatiche, passando per le centinaia di iniziative di promozione ed educazione alla mobilità ciclistica e al turismo in bicicletta, la FIAB ha contribuito fattivamente a far crescere la sensibilità, in Abruzzo, verso l’uso quotidiano delle due ruote a pedali, grazie ai suoi presidi in 14 città abruzzesi, che ne fanno una delle realtà ambientaliste più capillarmente diffuse nella regione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento