Gestione RAEE, parte da Chieti il progetto Servizi ai Comuni di Ancitel

“Parte da Chieti, in collaborazione con il Comune di Montsilvano, il progetto Servizi ai Comuni 2017 che vede coinvolti 140 Comuni in tutta Italia (48 nel Nord, 34 nel Centro e 48 nel Sud e Isole) volto ad individuare le corrette strategie di gestione e le modalità attraverso le quali incrementare e migliorare ulteriormente la qualità della raccolta dei RAEE, rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche”. Lo rende noto l’assessore all’Ambiente e Gestione dei rifiuti urbani, Alessandro Bevilacqua, a margine del primo degli incontri promossi da Ancitel Energia & Ambiente con il Centro di coordinamento RAEE. 

“L’incontro formativo – commenta l’assessore Bevilacqua – ha evidenziato la necessità di potenziare, alla luce della nuova normativa, la raccolta dei RAEE e di coordinare le azioni per la gestione delle stesse apparecchiature elettroniche. Chieti si pone al di sopra della media nazionale con una produzione procapite di RAEE di 4,2 kg per abitante l’anno. L’Amministrazione comunale intende ulteriormente migliorare la gestione dei due Centri di Raccolta (in via Aterno ed in via Masci) con la creazione di un Centro di Riuso dove, nell’ambito di una politica di riduzione dei rifiuti, le apparecchiature elettriche ed elettroniche conferite potranno essere valorizzate come beni riutilizzabili per essere poi reimmessi sul mercato. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In seguito al rapido susseguirsi delle innovazioni tecnologiche – prosegue l’assessore Bevilacqua - i RAEE stanno crescendo a un ritmo preoccupante: in media tre volte in più rispetto ai normali rifiuti solidi urbani che produciamo quotidianamente. Il rischio è che questi rifiuti, spesso pericolosi, vengano dispersi nell’ambiente o non opportunamente trattati. I centri di raccolta diventano, pertanto, delle strutture imprescindibili in quanto permettono al cittadino di conferire in modo autonomo e responsabile tipologie di rifiuto che non possono essere consegnate alla raccolta domiciliare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un male si è portato via il tenente Nicola Di Biase, aveva solo 27 anni

  • Fibromialgia: finalmente l'Abruzzo definisce le linee guida per diagnosi e trattamento

  • Si è spento Giuseppe Sigismondi, titolare della storica tabaccheria lungo corso Marrucino

  • A fuoco chiosco in piazza Garibaldi nella notte

  • Morì all'improvviso durante l'emergenza sanitaria: una messa per ricordare l'autista della Croce Gialla Cocco

  • Speleologi bloccati nella grotta a Roccamorice: trovato morto il terzo, un geologo dello Speleo club di Chieti

Torna su
ChietiToday è in caricamento