rotate-mobile
Green Lanciano

Programma sperimentale Mangiaplastica: finanziato il progetto del Comune di Lanciano

I fondi saranno utilizzati per l’acquisto di eco-compattatori, al fine di contenere la produzione di rifiuti in plastica, nonché di favorirne la raccolta selettiva e di migliorarne l’intercettazione e il riciclo in un’ottica di economia circolare

Il Comune di Lanciano ha ottenuto un finanziamento di 25 mila euro dal ministero della Transizione ecologica per il progetto "Mangiaplastica".

I fondi saranno utilizzati per l’acquisto di eco-compattatori, al fine di contenere la produzione di rifiuti in plastica, nonché di favorirne la raccolta selettiva e di migliorarne l’intercettazione e il riciclo in un’ottica di economia circolare. Ai fini del decreto “Mangiaplastica”, per eco-compattatore si intende un macchinario per la raccolta differenziata di bottiglie per bevande in pet, cioè in “polietilene tereftalato”, materiale con il quale vengono realizzate la maggior parte delle bottiglie presenti in commercio, in grado di riconoscere in modo selettivo le bottiglie in pet e ridurne il volume favorendone il riciclo.

Il progetto presentato dal Comune di Lanciano il 27 ottobre scorso riguarda in particolare l’installazione di un eco-compattatore nei pressi della scuola primaria dell’istituto comprensivo Don Milani di Olmo di Riccio. 

"Il vero problema - ha dichiarato l’assessore alla Transizione Ecologica del Comune di Lanciano Tonia Paolucci - è che a Lanciano in alcune grandi utenze e in alcuni grandi condomini non avviene la differenziata. Infatti, in tutti i sopralluoghi eseguiti in questo periodo è emerso che si continua a mettere rifiuti mischiati senza rispettare le regole del buon senso e del vivere civile oltre che del decoro urbano. Il progetto che ci è stato finanziato faciliterà la raccolta differenziata”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Programma sperimentale Mangiaplastica: finanziato il progetto del Comune di Lanciano

ChietiToday è in caricamento