menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Conto termico 2.0, la Cna presenta il "tesoretto" per risparmiare energia

Incentivi diretti e sgravi fiscali per migliorare l'efficienza energetica delle proprie abitazioni e degli edifici: è il piano messo a disposizione dal decreto del 16 febbraio 2016

Settecento milioni di euro, sotto forma di incentivi diretti e sgravi fiscali, destinati a singoli cittadini e condomini per migliorare l’efficienza energetica delle proprie abitazioni e degli edifici, con altri duecento a disposizione della Pubblica amministrazione. E’ il “tesoretto”, ancora poco utilizzato perché sin qui poco conosciuto e non troppo pubblicizzato, messo a disposizione dal decreto del 16 febbraio 2016, per dare sostanza a un vasto piano di miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici.

A parlarne è la Cna Abruzzo che elenca un bouquet di proposte che, per i privati, prevede anche la possibilità di finanziare la sostituzione di impianti di climatizzazione invernale esistenti con pompe di calore o con generatori di calore alimentati da biomasse, l’installazione di collettori solari termici, la sostituzione degli scaldacqua elettrici con quelli a “pompa di calore”, il finanziamento di diagnosi energetica. Incentivi estesi, con qualche ulteriore allargamento dell’offerta, anche alla Pubblica amministrazione.

I vantaggi delle misure sono stati al centro della conferenza stampa organizzata dalla Cna Abruzzo con il direttore regionale  , Graziano Di Costanzo,   il coordinatore del Progetto Energia della confederazione artigiana regionale, Gabriele Marchese, l'ingegner Claudio Bruno, esperto in materia di conto termico e il responsabile di Cna Costruzioni, Renato Giancaterino.

“Si tratta di un pacchetto di incentivi molto interessanti – ha spiegato Bruno  - che a seconda dell’intervento tecnico e del volume di spesa, possono coprire dal 40 al 65% del totale dell’investimento. Il tutto, con un consistente risparmio di tempi rispetto alle vecchie misure, visto che adesso, tra esame della domanda ed erogazione effettiva del finanziamento si arriva al massimo a tre mesi”. E se le misure previste dal “Conto termico 2.0” rappresentano un notevole motivo di interesse per i cittadini, lo stesso può dirsi anche per le numerose imprese del settore,  che potrebbero vedersi aprire le porte di nuovi mercati: ”Ed è in ragione di questo – ha detto Marchese – che abbiamo avviato tra gli operatori una forte campagna di informazione, utilizzando tutte le strutture territoriali della Cna abruzzese per informare i cittadini, mettere a punto le domande e presentarle”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Amaretti abruzzesi: cosa sono e la ricetta per prepararli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento