menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Gli allievi del Comprensivo 1 sono i più bravi a riciclare: primi nel concorso per la raccolta di pile esauste

La scuola diretta da Serafina D'Angelo si è classificata prima di Treviso e Sanremo, vincendo 4mila euro da spendere per le proprie attività

Primi in Italia, con un risultato tre volte maggiore rispetto a quello dei secondi classificati, per una sfida al riciclo. Protagonisti sono gli alunni delle scuole primarie Sant'Andrea, Brecciarola, Nolli e Cesarii del Comprensivo 1 di Chieti, che questa mattina sono stati premiati per la grande prestazione nel concorso "Raccogli pile esauste con il Cdcnpa e fai vincere la tua scuola!". I ragazzi si sono aggiudicati un premio in denaro di 4mila euro, che è stato consegnato alla dirigente Serafina D'Angelo e verrà usato per finanziare le attività scolastiche. 

La medaglia d'oro nel concorso del Cdcnpa (Centro di coordinamento nazionale pile e accumulatori) è arrivata grazie alla raccolta di 376 chilogrammi di pile esauste in un mese, lo 0,645 per ogni alunno della scuola (583). Alle spalle di Chieti c'è la città di Treviso, dove i ragazzi del Comprensivo 5 hanno raccolto 129 chilogrammi di pile esauste; gli allievi del comprensivo Italo Calvino di Sanremo, invece, hanno raggiunto 89 chilogrammi. 

Una rappresentanza dei giovanissimi ecologisti teatini, accompagnati da insegnanti e genitori, è stata premiata dal sindaco Umberto Di Primio, con l'assessore all'Ambiente Alessandro Bevilacqua, l'assessore alla Pubblica Istruzione Giuseppe Giampietro, alla presenza del segretario generale Cdcnpa Luca Tepsich e del presidente Ancitel Energia e Ambiente Filippo Bernocchi. 

Il concorso, che ha coinvolto quasi 8mila alunni in tutta Italia, è stato per i bambini l'occasione per apprendere le regole ecologiche di gestione delle pile esauste e per sensibilizzare anche i più grandi al rispetto dell'ambiente. 

"Con queste attività - ha commentato Tepsich - stiamo iniziando a piangare semi: basta veramente poco, come dimostrato, per avere risposte eccezionali". 

Non è la prima volta che le scuole di Chieti si distinguono in concorsi sul riciclo e sul rispetto dell'ambiente.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

È morto il notaio Giuseppe Tragnone: aveva 70 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento