L’università d’Annunzio riapre: esami orali e lauree in presenza, vietati i brindisi dopo la proclamazione

Dal 1 luglio cambiano le modalità di erogazione dei servizi agli studenti. Ecco quanto deliberato dal Senato accademico

Accessi contingentati e su prenotazione, esami in presenza o ancora a distanza, sessioni di laurea aperte a un massimo di cinque persone. Sono le principali modalità con cui l’università d’Annunzio si appresta a riaprire agli studenti a partire dal primo luglio.

Il Senato accademico ha infatti deliberato le nuove modalità di erogazione dei servizi.

Esami scritti e orali

Per quanto concerne gli esami di profitto, se quelli in forma scritta continueranno ad essere sostenuti in modalità a distanza, gli orali potranno essere svolti in modalità mista: sarà lo studente a indicare via mail al professore (entro cinque giorni dalla data dell’appello) se desidera sostenere l’esame in presenza oppure a distanza. 

Sedute di laurea in presenza 

Le sedute di laurea invece verranno svolte esclusivamente in presenza, con accesso a non più di tre candidati alla volta accompagnati da un massimo di cinque persone per ciascun laureando, mentre gli altri candidati dovranno attendere il proprio turno orario all’esterno dell’area del campus e sarà vietato sostare o festeggiare all’interno del campus dopo la proclamazione, pena la segnalazione all’autorità giudiziaria competente. Le sedute verranno trasmesse in live streaming, in modo da consentire anche ad amici e parenti a casa di assistere da remoto. 

Biblioteche e tirocini

E ancora: le attività di ricevimento dei docenti potranno essere svolte anche in presenza previa fissazione di appuntamento e si potranno riprendere le attività di tirocinio in presenza, contingentando gli accessi alle strutture ospitanti. Le attività connesse al bando per gli studenti con impegno a tempo parziale (150 ore) potranno essere svolte tanto in presenza quanto a distanza, mentre l’accesso nelle biblioteche sarà soggetto a prenotazione. 

“L’Ateneo - specifica l’Ud’A - adotterà tutte le misure previste dalla legge a tutela della salute di studenti, docenti e personale tecnico amministrativo coinvolto nelle attività in presenza”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Università, il professor Carlo Tedeschi tra i vincitori del concorso 'Advanced Grants 2020'

  • Educazione alla bellezza: gli alunni di Torrevecchia alla ricerca del Genius Loci

  • Il cibo d'Abruzzo alleato della salute: il progetto di ricerca europeo guidato dalla “d’Annunzio”

  • L'università 'd’Annunzio' ha aderito allo Spid, il rettore: "Ulteriore passo di innovazione digitale"

  • Un sito dedicato agli esami di Stato: gli studenti potranno prepararsi al meglio

  • Corsi online e gratuiti per migliorare le proprie competenze informatiche

Torna su
ChietiToday è in caricamento