Lunedì, 14 Giugno 2021
Università

Scuola per manager della sanità pubblica alla d'Annunzio: il progetto con altre 23 università italiane

Si chiama Spes l'Alta scuola di Sanità pubblica, epidemiologica e biostatica, nata dal patrimonio di conoscenze ed esperienze dei vari atenei

C'è anche l'università d'Annunzio fra gli atenei che hanno dato via all'Alta scuola di Sanità pubblica, epidemiologica e biostatica, per "formare manager capaci di consentire alla sanità pubblica di raccogliere la sfida posta dal cambiamento strutturale della popolazione e di saper sfruttare al meglio le opportunità che giungono dal progresso scientifico e tecnologico".

Come spiega l'agenzia Adnkronos, oltre a quello teatino, altri 23 atenei hanno deciso di mettere insieme il proprio patrimonio di conoscenze ed esperienze. Nata su impulso di un'esigenza avvertita da alcuni anni da un gruppo di docenti universitari, la realizzazione della Spes, come si chiamerà la scuola di sanità pubblica, è stata coordinata dall'università di Milano-Bicocca.

Il nome è un richiamo alla definizione inglese Advanced School of Public Health, Epidemiology and Biostatistics, che vuole sottolinearne la vocazione internazionale dell'iniziativa.

"Mettendo insieme le competenze potremo affrontare adeguatamente le sfide culturali, scientifiche e formative che il Paese pone", spiega il professor Giovanni Corrao, docente di Statistica Medica all'università di Milano-Bicocca e presidente della neonata Alta Scuola.

Il progetto è ambizioso: formare manager capaci di mettere al centro degli inter-venti della Sanità Pubblica i bisogni del cittadino, inteso non solo come paziente; fornire loro strumenti e metodologie rigorose che, attraverso la valutazione della sicurezza, dell'efficacia e della sostenibilità delle loro azioni, consentano di innestare un processo vir-tuoso di miglioramento continuo della qualità; prepararli ad affrontare le prossime emer-genze con adeguati strumenti e metodologie scientifiche. Per assicurare tutto questo si punta a promuovere, organizzare ed erogare l'offerta formativa post-laurea con master e dottorati di ricerca nell'ambito delle discipline della Sanità Pubblica.

"Per realizzare questi obiettivi è necessario armonizzare le esperienze formative e le competenze scientifiche dei nostri atenei. Ma abbiamo anche bisogno di includere, coinvolgere, raccogliere i contributi degli eccezionali talenti del nostro Paese. Vogliamo indirizzare queste risorse verso un progetto formativo di alto profilo, funzionale alle esigenze del Paese. È questa - conclude Corrao - la sfida che l'Alta Scuola intende raccogliere".

Oltre alla d'Annunzio, hanno aderito Università degli Studi della Campania "Luigi Vanvitelli", Università degli Studi dell'Aquila, Università degli Studi dell'Insubria, Università degli Studi del Piemonte Orientale "Amedeo Avogadro", Università degli Studi di Brescia, Università degli Studi di Catania, Università degli Studi di Ferrara, Università degli Studi di Firenze, Università degli Studi di Genova, Università degli Studi di Milano, Università degli Studi di Milano-Bicocca, Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, Università degli Studi di Padova, Università degli Studi di Pavia, Università degli Studi di Roma La Sapienza, Università degli Studi di Roma Tor Vergata, Università degli Studi di Sassari, Università degli Studi di Siena, Università degli Studi di Torino, Università degli Studi di Udine, Università degli Studi "Magna Graecia" di Catanzaro, Università di Pisa, Università Politecnica delle Marche.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scuola per manager della sanità pubblica alla d'Annunzio: il progetto con altre 23 università italiane

ChietiToday è in caricamento