Università d'Annunzio, verso un nuovo farmaco contro il tumore al seno

Pubblicato uno studio congiunto della “d’Annunzio” e dell’università di Salamanca, sostenuto dall’Airc

Sono stati pubblicati oggi, 24 aprile, sulla rivista specializzata Embo Molecular Medicine i risultati di uno studio preclinico su un nuovo farmaco antitumorale chiamato Ev20/Mmaf sostenuto dalla Fondazione Airc. Il progetto è coordinato da Gianluca Sala, ricercatore del laboratorio di Biochimica del Centro di Studi e Tecnologie Avanzate dell’Università “G. d’Annunzio” di Chieti ed è stato condotto in collaborazione con Atanasio Pandiella dell’università di Salamanca.

Il team ha dimostrato che nei modelli animali è possibile curare un tipo aggressivo di carcinoma della mammella caratterizzato dalla iper-espressione del recettore Her-2. In un precedente studio recentemente pubblicato dal team abruzzese, Ev20/Mmaf ha mostrato una significativa attività terapeutica nel melanoma. Il nuovo studio condotto sul carcinoma della mammella conferma le potenzialità cliniche di Ev20/Mmaf, sia pure ancora limitate al modello animale. I risultati fin qui ottenuti incoraggiano ulteriori fasi di sviluppo e auspicano la disponibilità di investimenti necessari a portare il composto alla sperimentazione clinica sull’uomo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"I tumori della mammella con iper-espressione del recettore Her-2 (circa il 20% di tutti i tumori mammari) sono particolarmente aggressivi - spiega Gianluca Sala - ma la loro prognosi è migliorata notevolmente negli ultimi venti anni grazie allo sviluppo di diversi farmaci in grado di contrastare selettivamente l’attività del recettore Her-2.  Il composto - conclude il Gianluca Sala - ha dimostrato di possedere un’attività antitumorale potente e specifica, sia nei tumori resistenti al trastuzumab che al T-dm1". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Svolta arcobaleno alla d'Annunzio: chi sta compiendo un percorso di transizione può usare la nuova identità

  • Cellule staminali e secretoma: alla d'Annunzio il brevetto per il trattamento innovativo delle malattie infiammatorie e neurodegenerative

  • Ecco i primi specialisti in Odontoiatria Pediatrica proclamati alla “d’Annunzio”

  • Come ordinare i libri scolastici a Chieti e averli a casa in 24 ore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento