Università

Covid, l’appello al rettore: “Vaccinazioni per gli studenti dell’area medica e delle professioni sanitarie”

La richiesta dei rappresentanti della lista 360gradi dell’università G. d’Annunzio: “A Farmacia e Ctf ci sono studenti che stanno facendo tirocinio senza essere stati ancora vaccinati"

foto di repertorio

Chiedono che gli studenti di area medica e delle professioni sanitarie possano rientrare nel piano di vaccinazione anti Covid tra la fase 1 e la fase 2, permettendo loro di sostenere le strutture sanitarie e riprendere le attività di tirocinio in sicurezza. Una proposta formale inviata dai rappresentanti degli studenti della lista 360gradi al rettore dell’università d’Annunzio di Chieti Sergio Caputi e al Senato accademico.

Gli universitari non si sentono al sicuro e sperano al più presto in soluzioni concrete. “A Farmacia e Ctf ci sono studenti che stanno facendo tirocinio senza essere stati ancora vaccinati” raccontano alcuni di loro. “Dal terzo al sesto anno di Medicina molti tirocini sono ancora bloccati e questo potrebbe essere un modo per rientrare in corsia e dare il nostro apporto”. E ancora: “Per le varie professioni sanitarie penso che sia fondamentale vaccinare visto che i tirocini iniziano già dal primo semestre e gli studenti stanno andando in ospedale/laboratori senza essere vaccinati”.

Nell’ultimo mese sono molte le università che si sono occupate, in accordo con gli organi di competenza, di programmare la campagna di vaccinazione anti Covid-19 degli studenti delle aree medico sanitarie come ricordano dall’associazione 360 gradi: nelle università di Bologna, di Ferrara, del Molise, di Vanvitelli sono state trovate delle soluzioni per integrare gli studenti nella campagna vaccinale: a Catania, Messina, Torino e alla Sapienza sono stati istituiti dei database con lo scopo di raccogliere le adesioni degli studenti dell’area medica e delle professioni sanitarie e i dati sono stati trasmessi alle strutture che si occupano della campagna al fine di programmare le vaccinazioni. 

“Nel nostro Ateneo non se ne sente ancora parlare concretamente e tutto questo – spiega il presidente Pietro Caliendo a nome dell’associazione studentesca 360 - ci ha spinto a protocollare la proposta inviata al rettore, al Senato accademico e ai referenti di Ateneo per i rapporti con l’Azienda Sanitaria prof. Leonardo Mastropasqua e prof. Marco Onofrj. L'augurio è che si apra una discussione proficua nel Senato accademico previsto l’11 febbraio, delineando una soluzione chiara anche per gli studenti dell’università d’Annunzio”.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, l’appello al rettore: “Vaccinazioni per gli studenti dell’area medica e delle professioni sanitarie”

ChietiToday è in caricamento