La d'Annunzio è pronta a ripartire: lezioni su prenotazione, esami a scelta in presenza oppure online

A ottobre ripartono le attività didattiche in massima sicurezza, con la possibilità per i docenti di registrare le lezioni

Riprendono le attività didattiche all'università d'Annunzio di Chieti-Pescara. Su proposta del magnifico rettore, Sergio Caputi, il Senato accademico e il Consiglio di amministrazione dell'ateneo hanno deliberato tempi e modalità di ripresa delle lezioni.

Tutti i corsi di studi riprenderanno le lezioni relative agli insegnamenti semestrali lunedì 12 ottobre, mentre bisognerà aspettare lunedì 3 novembre per gli insegnamenti annuali. Sarà necessario prenotarsi per seguire le lezioni in presenza, per garantire la massima sicurezza di tutti i presenti.

Le lezioni relative ai corsi di insegnamento saranno erogate nella massima misura possibile nelle aule universitarie, assicurando che la didattica tenuta in presenza sia sempre fruibile a distanza. I docenti avranno facoltà di registrare le proprie lezioni (in modalità audio/video o solo audio), in modo da consentire allo studente che sia impossibilitato ad assistere in diretta di poterne fruire in un altro momento, e comunque entro i due giorni successivi allo svolgimento.

Nelle prossime settimane, agli studenti saranno indicate le istruzioni d'uso di un'applicazione che permetterà di prenotare la propria seduta in aula per ogni settimana di lezione, sino alla capienza massima individuata in osservanza delle vigenti disposizioni di sicurezza anti-contagio. Sarà in ogni caso garantita la prenotazione del posto in aula agli studenti disabili che ne facciano richiesta. La medesima applicazione genererà le liste d’attesa.

Gli esami di profitto scritti si svolgeranno on-line, applicando i protocolli operativi già attualmente osservati. Gli esami di profitto orali e le prove finali di laurea saranno svolti secondo la modalità scelta dello studente, ossia in presenza oppure on-line.

I tirocini di area sanitaria, le esercitazioni e i laboratori a frequenza obbligatoria saranno svolti esclusivamente in presenza, con stretta osservanza delle misure di sicurezza già previste e attuate nella fase 2. I tirocini di area non sanitaria interni ed esterni potranno essere svolti in presenza laddove l’organizzazione degli spazi e del lavoro siano tali da garantire la sicurezza degli studenti, del personale docente e ricercatore e del personale tecnico-amministrativo, nel pieno rispetto delle prescrizioni emanate in materia dalle autorità competenti.

In accordo con l’eventuale ente ospitante e con i tutor interni ed esterni dello studente, resta possibile l’attivazione del tirocinio con modalità a distanza ove il progetto formativo sia considerato compatibile. È confermata la riapertura delle biblioteche di ateneo, con ingresso contingentato, ritiro testi solo su prenotazione e studio in loco esclusivamente nel numero programmato.

Il ricevimento degli studenti da parte dei docenti avrà luogo secondo la modalità da loro prescelta, cioè in presenza o a distanza sulla base di apposita prenotazione. Gli assegnisti, i dottorandi e gli specializzandi svolgeranno le proprie attività in presenza, con stretta osservanza delle misure di sicurezza già previste ed attuate nella fase 2.

Il documento integrale sulla ripresa delle attività nella fase 3 si può consultare sul sito di ateneo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Eduscopio 2020, la classifica delle migliori scuole superiori: il Masci è in cima alla vetta

  • L'impatto della pandemia sugli operatori sanitari: il 54% ha bisogno dello psicologo. La ricerca dell'Ud'A

  • Zona rossa dal 18 novembre: ecco le scuole dove la didattica continuerà in presenza

  • Didattica a distanza senza consumare giga: l’iniziativa a sostegno delle famiglie

  • #ioleggoperché: a novembre si può donare un libro a una scuola del proprio territorio

  • Aumentano le immatricolazioni all'università d'Annunzio, costante il numero dei fuorisede

Torna su
ChietiToday è in caricamento