"I laghi di Titano sono crateri esplosivi": lo studio internazionale guidato dal dottor Mitri dell'Ud'A

L'origine dei laghi e dei mari di Titano rimaneva una domanda irrisolta a cui è stato possibile rispondere, almeno in parte, grazie al recente lavoro guidato dal ricercatore della d'Annunzio

Un nuovo modello suggerisce che i laghi di Titano sono crateri esplosivi. È il risultato del lavoro condotto da un team internazionale di scienziati guidato dal dottor Giuseppe Mitri, ricercatore presso il Dipartimento di Ingegneria e Geologia (InGeo) e l’International Research School of PlanetarySciences (IRSPS) dell'università degli studi "Gabriele d'Annunzio" che ha pubblicato un articolo su Nature Geoscience sull'origine dei piccoli laghi con bordi in rilievo su Titano.  

Titano, la più grande luna di Saturno, è l'unico corpo del Sistema Solare, oltre alla Terra, che oggi possiede liquidi sulla sua superficie. Grazie alla missione Cassini-Huygens della NASA / ESA / ASI (2004-2017) è stato scoperto che sono presenti nelle regioni polari di Titano laghi e mari composti di idrocarburi allo stato liquido, principalmente metano disciolto in azoto. L'origine dei laghi e dei mari di Titano rimaneva una domanda irrisolta a cui è stato possibile rispondere, almeno in parte, grazie al recente lavoro guidato dal ricercatore della d'Annunzio.

Utilizzando i dati radar dell’ultimo passaggio ravvicinato di Titano da parte della missione Cassini, in combinazione con analisi morfologiche e quantitative, la ricerca suggerisce che i laghi con bordi in rilievo potrebbero essere crateri prodotti da esplosioni generate dalla transizione di fase dell’azoto che era presente su Titano sia sulla superficie sia nel sottosuolo; la transizione di fase dell’azoto dallo stato liquido allo stato di vapore sarebbe avvenuta durante uno o più eventi di riscaldamento nel passato di Titano quando erano presenti temperature inferiori rispetto alle attuali (93 K, -180 ºC). I crateri si sarebbero successivamente riempiti di metano e azoto liquido formando i laghi che è stato possibile osservare durante la missione Cassini. A conferma di questo nuovo modello, la morfologia di molti dei laghi presenti su Titano presenta bordi rialzati tipici dei crateri esplosivi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“I dati che abbiamo ottenuto durante l’ultimo passaggio ravvicinato di Titano da parte della sonda Cassini - spiega il dottor Giuseppe Mitri - hanno permesso di chiarire non solo come si sono formati i laghi di Titano, ma anche come la presenza di una atmosfera e i cambiamenti climatici che sono avvenuti su Titano hanno fortemente influenzato i processi geologici presenti sulla sua superficie”.   
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quattro nuovi corsi di laurea all’università “d’Annunzio”

  • Svolta arcobaleno alla d'Annunzio: chi sta compiendo un percorso di transizione può usare la nuova identità

  • Cellule staminali e secretoma: alla d'Annunzio il brevetto per il trattamento innovativo delle malattie infiammatorie e neurodegenerative

  • Ecco i primi specialisti in Odontoiatria Pediatrica proclamati alla “d’Annunzio”

  • Come ordinare i libri scolastici a Chieti e averli a casa in 24 ore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ChietiToday è in caricamento