rotate-mobile
Giovedì, 8 Giugno 2023
Università

L'Europa al centro: alla d'Annunzio inaugura la panchina blu

Mercoledì si terrà anche un convegno sul tema “Comunicazione e informazione diritto fondamentale nella traiettoria europea”

L’Europa protagonista all’università degli studi “Gabriele d’Annunzio”: due gli eventi organizzati dallo sportello Europe Direct e dal Settore Internazionalizzazione ed Erasmus dell’Ateneo per odmanhi, mercoledì 3 maggio. Alle 12,30 sarà inaugurata la “panchina dell’Europa” per diffondere i valori di unità e coesione dell'Unione europea: la “panchina blu” sarà collocata in un punto qualificante del Campus universitario di Chieti, il piazzale di Lettere, e verrà inaugurata alla presenza, tra gli altri, degli studenti Erasmus della “d’Annunzio” provenienti da varie parti del mondo. Alle invece, nell’auditorium del Rettorato, è in programma il convegno sul tema: “Comunicazione e informazione diritto fondamentale nella traiettoria europea”, che potrà esser seguito in forma mista, in presenza ed online. Parteciperanno Carlo Corazza, direttore dell’Ufficio del Parlamento Europeo in Italia, Alessandro Giordani, head of unit “Networks in the MemberStates” della Commissione europea, Antonio Parenti, capo della rappresentanza della Commissione Europea in Italia, Pier Virgilio Dastoli, presidente del Movimento Europeo, Maria Romana Allegri, università di Roma “La Sapienza”, Katia Scolta, responsabile ufficio stampa e comunicazione istituzionale della Regione Abruzzo, e Marco Magheri, segretario generale dell’Associazione Italiana della comunicazione pubblica e istituzionale.

“In una dimensione particolarmente complessa - spiega la professoressa Fausta Guarriello, responsabile dello Europe Direct di Chieti - in cui le conoscenze sui meccanismi cognitivi delle persone e la disponibilità di tecnologie estremamente pervasive espongono la società europea a un quotidiano rischio di contaminazione delle informazioni, di hacking cognitivo e della diffusione sistematica di fake news, dotare quanti vogliono contribuire al compimento dell’Unione Europea di conoscenze, competenze e abilità concrete sulla comunicazione pubblica e istituzionale e sulla corretta informazione, rappresenta un investimento di breve, medio e lungo periodo per generare valore in opposizione alla infodemia, alla disinformazione e alla creazione delle echochambers antieuropeiste”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'Europa al centro: alla d'Annunzio inaugura la panchina blu

ChietiToday è in caricamento