La d'Annunzio firma l'accordo di collaborazione con la Henan University of Chinese Medicine

A ottobre una delegazione dell'ateneo, guidata dal rettore Caputi, andrà in Cina per avviare le attività

Nei giorni scorsi il rettore dell'università d'Annunzio Sergio Caputi e il professor Xu Erping, rettore della “Henan University of Chinese Medicine” hanno firmato un preliminare di accordo contenente gli intenti finalizzati alle collaborazioni scientifiche e di interazioni formative tra i due Paesi. 

Nell’ambito del previso programma di cooperazione, saranno affrontati molti aspetti dell’insegnamento dell’arte medica e verranno altresì definiti alcuni progetti di cooperazione scientifica e l’attuazione di protocolli di ricerca mirati a diverse aree tematiche. In particolare, verranno sviluppati programmi formativi per studenti laureandi e post-laureati nel campo delle Scienze infermieristiche, farmacologiche e delle tecnologie di Medical Imaging.

Specifici programmi di approfondimento scientifico verranno dedicati alla comprensione e alla validazione di principi attivi farmacologici della medicina tradizionale cinese, con l’intento di conoscerne meglio i meccanismi di azione per una maggiore conoscenza e diffusione all’interno dei parametri di applicazione della medicina occidentale.

L'università di Henan è stata istituita nel 1958. Offre diplomi di laurea in Medicina, Management, Scienze ingegneristiche e arti, con 14 corsi speciali come Medicina cinese, Ingegneria farmaceutica, Agopuntura e Medicina cinese-occidentale integrata. Offre anche master in 21 specialità, tra cui medicina interna cinese, pediatria cinese, prescrizioni erboristiche, erboristeria e agopuntura che rappresentano i programmi chiave nell’offerta sanitaria della provincia di Henan. Le sue facoltà universitarie comprendono 15 tutor di dottorato, 94 professori, 425 professori associati, 714 docenti universitari, 16 specialisti nominati dallo Stato e 10 nominati dall’ente provinciale. Conta 10.000 studenti, di cui oltre 150 provenienti da diverse nazioni di tutto il mondo.

La firma del protocollo definitivo avverrà nel prossimo mese di ottobre, quando una delegazione ufficiale dell'università d’Annunzio, guidata dal rettore Sergio Caputi, si recherà in Cina su invito della “Henan University”. L’accordo, che si inserisce nel quadro delle attività di internazionalizzazione della d’Annunzio, è stato reso possibile grazie ai contatti avviati e curati dalla professoressa Elena Toniato, associato di Patologia Generale nel dipartimento di Scienze Mediche, Orali e Biotecnologiche della d’Annunzio, che ha avuto la preziosa collaborazione del professor Pio Conti, già professore di Patologia Generale dell’Ateneo 

Potrebbe interessarti

  • Una docente teatina ad Auschwitz per la conferenza mondiale sui genocidi

  • La Fondazione Telethon finanzia un progetto di ricerca dell'università d'Annunzio

  • Come diventare un interior designer di successo?

I più letti della settimana

  • Si arricchisce l'offerta formativa della d'Annunzio: tre corsi in più dal prossimo anno accademico

  • L'università d'Annunzio non decolla per il Censis: ultima tra i "grandi atenei"

  • “Morte cardiaca improvvisa, prima causa di morte”, se ne parla in un congresso all'Ud'A

  • Una docente teatina ad Auschwitz per la conferenza mondiale sui genocidi

  • Corsi di laurea a numero chiuso: le date dei test d'accesso e i corsi di preparazione

  • Università e Guardia di Finanza a braccetto per controllare dichiarazioni Isee e didattica

Torna su
ChietiToday è in caricamento