Domenica, 21 Luglio 2024
Università

L'università d'Annunzio guarda all'Europa, 15 milioni di euro al progetto Ingenium

Un’alleanza transnazionale composta da dieci università. Per la "d’Annunzio” lo sviluppo del progetto è coordinato dal professor Marcello Costantini

Un’ondata di internazionalizzazione all’università d’Annunzio che ha ricevuto un importante finanziamento dall’Unione Europea per costruire i presupposti che porteranno alla realizzazione di una università europea.

Il progetto, denominato Ingenium, è stato infatti finanziato con un contributo da 15 milioni di euro: rappresenta un’alleanza transnazionale composta da dieci università alla quale partecipano l’università di Oviedo (Spagna), l’université de Rouen Normandie(Francia), il Karlsruhe Institute of Technology (Germania), il Munster TechnologicalInstitute(Irlanda), l’university of Skövde (Svezia), la South-EasternFinland u niversity of applied science s(Finlandia), la Sofia Medical university(Bulgaria), la GheorgheAsachi Technical university of Iasi (Romania) e la university of Crete (Grecia). Dal 24 al 26 gennaio scorsi, ad Oviedo (Spagna), si è svolto con successo il kick off meeting di Ingenium, alla presenza del rettore della locale università e dei rappresentanti degli altri atenei coinvolti per discutere l’implementazione del progetto nei prossimi quattro anni.

Il progetto prende le mosse da una delle priorità dell’Unione Europea per il periodo 2021-2027, che prevede la creazione di 60 università europee. Per la "d’Annunzio” di Chieti-Pescara, lo sviluppo del progetto è coordinato dal professor Marcello Costantini con un gruppo di lavoro composto dalle professoresse Francesca Ferri, Enrichetta Soccio, Francesca Scozzari, dal professor Maurizio Bertollo e dal dottor Glauco Conte, responsabile del Settore Internazionalizzazione ed Erasmus.

“Lo scopo di Ingenium - spiega il professor Marcello Costantini, coordinatore del progetto per la “d’Annunzio” - è di consolidare e istituzionalizzare la cooperazione internazionale tra i partner in didattica, ricerca e terza missione, inclusa la transizione ecologica. Ingenium - sarà in grado di rilasciare titoli di studio europei, aumentare la competitività della ricerca nello spazio europeo e aumentare le sinergie tra università e mondo del lavoro non solo nei contesti locali, ma a livello internazionale”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'università d'Annunzio guarda all'Europa, 15 milioni di euro al progetto Ingenium
ChietiToday è in caricamento