In Abruzzo c'è un corso di laurea per i cuochi: "Scienze e Culture gastronomiche per la sostenibilità"

L'accordo sottoscritto tra Unione Regionale Cuochi Abruzzesi e Università di Teramo per laureare i cuochi

da sinitra L.Pace, D. Mastrocola, D. Iobbi

Un corso di laurea per i cuochi, finalizzato ad incentivare la formazione culturale degli stessi. L’accordo è stato sottoscritto il 27 ottobre scorso dall'Unione Regionale Cuochi Abruzzesi e dalla Federazione Italiana Cuochi con l'università degli studi di Teramo 
Il corso di laurea è in "Scienze e Culture gastronomiche per la sostenibilità".

“Sarà un riferimento regionale e nazionale per completare, attraverso un corso di studi universitario, la formazione professionale degli iscritti alla FIC ai quali verranno riconosciuti agevolazioni economiche, crediti formativi e lezioni online” ha spiegato il rettore Dino Mastrocola.

Secondo il presidente URCA Lorenzo Pace, “Il cuoco contemporaneo deve possedere un’ampia cultura professionale: per poter realizzare e trasmettere bisogna sapere e per conoscere bisogna studiare, condividere e mettersi in discussione. Per questo l’URCA ringrazia l’Ateneo teramano per l’istituzione delcorso che permetterà di avere dei professionisti della gastronomia consapevoli e preparati a vantaggio del settore e della società”.

“Questa convenzione è un invito ai neo diplomati degli Istituti alberghieri ad andare oltre il sapere pratico per completare la loro formazione professionale e culturale attraverso un percorso di laurea formativo e completo” ha aggiunto Rocco Pozzulo, presidente della Federazione Italiana Cuochi.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bonus cultura per i nati nel 2002: i 500 euro sono spendibili nei negozi fisici e online

  • "La conquista dello spazio": a Speciale Tg 1 gli studiosi della d'Annunzio

  • Università “d'Annunzio”: corsi di orientamento dedicati agli studenti delle scuole secondarie

  • Nasce il nuovo Istituto tecnico superiore (Its) per Turismo e attività culturali

Torna su
ChietiToday è in caricamento