rotate-mobile
Mercoledì, 25 Maggio 2022
Scuola

Sensibilizzazione al volontariato, l'associazione Allegrino incontra gli studenti del liceo Vico

Tra le tematiche anche le dipendenze da alcol e droghe e il disagio psicologico causato dalla pandemia

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ChietiToday

Cultura del volontariato, prevenzione delle dipendenze da alcol stupefacenti e disagio psicologico causato dalla pandemia sono stati i temi al centro di una serie di incontri con gli studenti delle classi terze della scuola secondaria di primo grado dell’Istituto comprensivo “G. Galilei” di San Giovanni Teatino (Chieti) e delle classi terze e quarte del liceo classico “G.B. Vico” di Chieti, organizzati nell’ambito del progetto “Nel cuore dell’arcobaleno – Salute e benessere oltre la pandemia” di cui è capofila l’associazione “Domenico Allegrino” Odv di Pescara. Gli interventi sui valori del volontariato, della solidarietà e dell’altruismo sono stati attuati dagli operatori dell’associazione; il disagio psicologico e le sensazioni causate dal lockdown e dalla pandemia sono stati analizzati dagli psicologi del Consultorio familiare Cif di Chieti, mentre i rappresentanti dell’associazione Alcolisti Anonimi hanno affrontato il tema della dipendenza da alcol. Ospiti di alcuni incontri anche il Presidente dell’Avis comunale di Chieti Tullio Parlante, che ha sottolineato davanti agli studenti del “Vico” quanto sia importante donare il sangue, e il dottor Fabio Savini, responsabile dell’Unità operativa semplice dipartimentale di Farmatossicologia della Asl di Pescara, che ha illustrato agli alunni del “Galilei” il lavoro che viene effettuato nel laboratorio per l’individuazione di sostanze stupefacenti nell’organismo e i rischi che si corrono a causa del consumo di droghe e alcol soprattutto tra i minori. “Gli interventi nelle classi ci hanno dato la possibilità di promuovere i valori del volontariato e della solidarietà tra gli studenti – afferma Antonella Allegrino, fondatrice dell’associazione capofila del progetto - Il dono del proprio tempo a chi si trova in condizioni di difficoltà restituisce amore ed energia alle vite di coloro che decidono di intraprendere questo percorso. Si aiutano gli altri, ma si riceve tanto in cambio e si colgono occasioni di crescita e responsabilità in merito al ruolo che ognuno di noi deve avere nella comunità di appartenenza, nell’ottica di una cittadinanza attiva e partecipe. Questo è il messaggio che abbiamo voluto diffondere tra le giovani generazioni.

Ci siamo confrontati anche con le fragilità dei ragazzi che, a causa della pandemia e dei lockdown, sono stati costretti a vivere momenti di smarrimento e solitudine che hanno influito sulla psiche. Molti di loro hanno avuto la possibilità di parlarne e di aprirsi con gli psicologi del Cif. Infine, l’aumento del consumo di alcol e droghe, rilevato negli ultimi due anni tra i minori, ci ha spinti ad attuare una campagna di prevenzione per illustrare i rischi derivanti dall’assunzione di queste sostanze spesso sottovalutati dai ragazzi. L’attività nelle scuole ha previsto anche una fase artistica in cui gli studenti hanno realizzato disegni e testi utilizzati per decorare una scenografia, che serve da sfondo a una serie di incontri organizzati con gli over 65 sempre nell’ambito del progetto. I disegni e i testi evocano la natura e trasmettono emozioni, serenità e armonia unite alla speranza di tornare a una vita normale”. Le attività proseguiranno con una serie di screening medici gratuiti rivolti ai minori, che si terranno nei mesi di marzo e aprile a Chieti e San Giovanni Teatino. Il progetto “Nel cuore dell’arcobaleno”, che prevede una serie di attività rivolte ai giovani e agli over 65, le due categorie che nei vari lockdown hanno modificato maggiormente i propri stili di vita, è stato ideato ed è coordinato dall’associazione “Domenico Allegrino” Odv di Pescara (capofila) che ha come partner le Associazioni Meridiani Paralleli di Chieti, le Avis comunali di Chieti e Francavilla, il CIF comunale di Chieti, l’Associazione Protezione Civile di San Giovanni Teatino (Chieti). Collaborano l’Istituto Comprensivo Pescara 1, il Convitto nazionale “G.B. Vico” liceo classico di Chieti, l’Istituto Comprensivo statale “G. Galilei” di San Giovanni Teatino, il liceo artistico, musicale, coreutico Misticoni-Bellisario (MiBe) di Pescara, l’Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII di Chieti e l’assessorato alle Politiche Sociali del Comune di San Giovanni Teatino. Il territorio interessato dalle azioni è quello delle province di Pescara e Chieti Il progetto è finanziato dal Ministero del lavoro e delle politiche sociali e dalla Regione Abruzzo; finanziamento di iniziative e progetti di rilevanza regionale promossi da organizzazioni di volontariato e associazioni di promozione sociale per la realizzazione di attività di interesse generale di cui all'art. 5 del Codice del Terzo Settore. Risorse AdP anno 2020 e risorse aggiuntive 2020. Determina Dirigenziale n. DPG022/56 del 10.03.2021 di approvazione dell’Avviso. Determina di approvazione esiti n. DPG022/190 del 30/08/2021.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sensibilizzazione al volontariato, l'associazione Allegrino incontra gli studenti del liceo Vico

ChietiToday è in caricamento