menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La pandemia non ferma il teatro: al comunale di Ortona gli spettacoli del progetto del Teatro Stabile d’Abruzzo

Si inizia dal musical “Nunsense”: tutti gli allestimenti saranno trasmessi in tv e in streaming

La pandemia non ferma l'arte e, anche se non è ancora possibile tornare a teatro, si cerca di offrire spettacoli di qualità con i mezzi a disposizione. 

Per questo, nel teatro comunale di Ortona, sono iniziati i lavori per le registrazioni degli spettacoli del progetto del Teatro Stabile d’Abruzzo “L’arte non si ferma”. Si tratta del primo progetto della nuova direzione artistica affidata a Giorgio Pasotti che ha immediatamente voluto far ripartire, sostenendolo, il lavori di attori e tecnici che operano nel territorio abruzzese.

Dieci degli spettacoli in prova, in collaborazione con le compagnie teatrali abruzzesi, saranno trasmessi dalle emittenti televisive Rete 8 e La QTV, media partner del progetto, oltre che in streaming, grazie a un adattamento al linguaggio televisivo curato da Vincenzo Olivieri.

Unn modo per raggiungere gli spettatori fino alla riapertura delle sale teatrali. Le riprese vengono effettuate nel teatro comunale di Ortona, grazie alla collaborazione intrapresa tra il Comune, La Compagnia dell’Alba e il Tsa, con un cartellone serrato e nel pieno rispetto della normativa anti Covid che prevede sanificazioni, tamponi rapidi e ingressi in teatro rigidamente controllati.

Prima opera sul palcoscenico per la registrazione è “Nunsense”, il fortunato musical prodotta dal Tsa e dalla Compagnia dell’Alba, che ha appena vinto il premio “Broadawayworld Italy Awards” come miglior musical non originale e la migliore regia, firmata da Fabrizio Angelini, direttore della Compagnia insieme a Gabriele De Guglielmo.

Per questa prima settimana di riprese sarà poi la volta di “Caprò, lo spettacolo magistralmente interpretato da Edoardo Oliva e di Tanos, con Stefano Angelucci e Rossella Gesini.

"Sono orgoglioso di questo progetto - dice Giorgio Pasotti - abbiamo voluto puntare sul sostegno agli artisti, alle compagnie, ai tecnici che così possono ricominciare a fare il loro lavoro. Il nostro focus sono le persone, la componente fondamentale del lavoro teatrale. Aver fatto ripartire gli allestimenti significa anche che avremo gli spettacoli pronti per la riapertura delle sale teatrali che ci auguriamo avvenga al più presto essendo luoghi dove l’afflusso del pubblico si può organizzare in massima sicurezza".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Coronavirus: oggi 196 nuovi positivi e 441 guariti in Abruzzo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ChietiToday è in caricamento