rotate-mobile
Teatro

Chieti accoglie il premio internazionale Majano: Michele Placido è il presidente di giuria

Tantissimi artisti che nella vita hanno lavorato con lo sceneggiatore teatino, padre della moderna fiction, saranno al teatro Marrucino per partecipare all'evento che si svolgerà dal 30 novembre al 3 dicembre

Personaggi del mondo del cinema, della televisione e della cultura sfileranno a Chieti per il Premio internazionale Majano, dal 30 novembre al 3 dicembre. Sarà Michele Placido, che presiede la giuria, il presidente della commissione tecnico scientifica del Premio, mentre Gianni Letta sarà presidente onorario del comitato istituzionale.

Questa mattina nel foyer storico del Marrucino il vicesindaco Paolo De Cesare e il direttore artistico della kermesse Davide Cavuti hanno presentato la prima edizione del Premio e i componenti della giuria: un riconoscimento istituito dall’amministrazione comunale e costruito con la Deputazione del teatro Marrucino per restituire storia e memoria al teatino Anton Giulio Majano, papà dello sceneggiato televisivo , antenato dell’attuale fiction che ha regalato agli spettatori italiani capolavori della storia della televisione come “Capitan Fracassa” (1958), “L’isola del tesoro” (1959), “Delitto e castigo” (1963), “La cittadella” (1964),“Tenente Sheridan: La donna di fiori” (1965), “La freccia nera” (1968-1969), “E le stelle stanno a guardare” (1971).

“Questo progetto è nato dalla volontà di celebrare il nostro illustre concittadino, partendo da un’iniziativa promossa anni fa da Aurelio Bigi. Sarà la rima edizione di un premio internazionale che si completerà con la realizzazione di un docu-film su Majano, diretto dal Maestro Cavuti. Per il Premio è stato costituito un comitato istituzionale che rafforza il prestigio della manifestazione di cui sarà presidente onorario Gianni Letta, mentre presidente del comitato tecnico scientifico è Michele Placido”.

La commissione tecnico scientifica che vedrà, oltre a Michele Placido, la partecipazione del critico e scrittore Masolino D’Amico, figlio della sceneggiatrice Suso Cecchi D’Amico; del maestro Bruno Zambrini, compositore cinematografico che lavorò con Majano in “Qui squadra mobile” (1973) e autore di numerose canzoni per Gianni Morandi; dell’attrice Laura Efrikian, interprete degli sceneggiati “La Cittadella (1964) e “David Copperfield” (1965) diretti da Majano; del direttore Gabriele Antinolfi, dirigente del Centro Sperimentale di Cinematografia; di Marco Giudici, già direttore di Rai International, di Paola Majano, doppiatrice e figlia del regista.

Nel comitato istituzionale, conl' onorevole Letta saranno presenti il sindacodi Chieti Diego Ferrara; il presidente della giunta regionale Marco Marsilio; Gennaro Strever, Presidente della Camera di Commercio di Chieti-Pescara; Aurelio Bigi ideatore del Premio nel 2003; Carla Tiboni presidente dei premi Flaiano; Sergio Caputi, rettore dell’università G. d’Annunzio; Giustino Angeloni, presidente della Deputazione Teatrale teatro Marrucino; Cesare Di Martino, direttore amministrativo del teatro Marrucino; Paolo De Cesare, presidente del Premio assieme ad altre personalità del mondo delle istituzioni e della cultura.

Le quattro giornate, dal 30 novembre sono realizzate con il sostegno dell’assessorato alla Cultura e della Camera di commercio di Chieti-Pescara e si concluderanno con il gran galà del 3 dicembre al Marrucino dove saranno consegnati i premi alla regia, alla carriera, al miglior interprete, alla carriera per la colonna sonora, alla scenografia. "Annunceremo i nomi nei prossimi giorni – fa sapere il maestro Cavuti – e saranno tutti prestigiosi, legati all’opera di Majano. Il premio intitolato alla figura di Anton Giulio Majano vuole rendere omaggio alla sua immensa produzione nel campo della regia televisiva e cinematografica ed era nostro dovere fra conoscere la storia di questo grande personaggio attraverso i suoi film. L’auspicio è che questa iniziativa possa contribuire a divulgare l’opera di un illustre figlio della nostra terra”.

L’apertura del Premio è mercoledì 30 novembre al Marrucino con l’inaugurazione, diversi ospiti e la proiezione di una parte dei film di Majano. Il 1° dicembre, dalle 18, ci sarà un presentazione letteraria al museo Barbella, mentre il giorno seguente sarà dedicato alle scuole, con un appuntamento all’interno dell’auditorium Cianfarani. In ultimo, la serata di gala, che sarà ad ingresso gratuito "per poter accogliere più pubblico possibile - ha precisato De Cesare -  trattandosi di un premio dedicato alla città. Non prevediamo un biglietto a pagamento per assistere alla serata, ma quasi certamente l'evento l'ingresso sarà libero su prenotazione".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chieti accoglie il premio internazionale Majano: Michele Placido è il presidente di giuria

ChietiToday è in caricamento