Cuntaterra porta alla scoperta del Cunto e dei Pupi siciliani

Da venerdì 22 a lunedì 25 novembre, CuntaTerra, realtà artistica abruzzese che si occupa di teatro, musica e cultura popolare, si farà promotrice di un evento unico nel suo genere, ospitando Enzo Mancuso, puparo e cuntastorie siciliano, che con la sua compagnia Carlo Magno di Palermo rappresenterà la grande tradizione teatrale italiana del cunto e dell’opera dei pupi.
Diversi gli appuntamenti in programma, tra cui un seminario di formazione aperto a tutti, spettacoli per adulti e incontri didattici dedicati a bambini e ragazzi delle scuole primarie/secondarie, realizzati anche in collaborazione con il Museo delle Genti D’Abruzzo di Pescara.

Il programma: 

  • Venerdì 22 novembre, ore 20.45, CuntaTerra (via Sangro 9 – Brecciarola di Chieti), "I cavalier, l'arme, gli amori", spettacolo di cunto e pupi siciliani
  • Sabato 23 e domenica 24 novembre, mattina e pomeriggio, CuntaTerra (via Sangro 9 – Brecciarola di Chieti), Il Cunto, ovvero dell'arte di contar le storie, seminario sulla tecnica del cunto/racconto, condotto da Enzo Mancuso

Posti limitati, info e prenotazioni: 340 6152344 - 338 7582167 - ass.cterra@gmail.com

Enzo Mancuso
Puparo e cuntastorie nato a Palermo nel 1974, ultimo discendente della omonima famiglia di pupari che diede inizio alla propria attività a Palermo nel 1928, aprendo un teatrino dell’Opera dei pupi nel quartiere Borgo Vecchio.
Figlio e nipote d’arte, intraprende il mestiere fin da bambino come aiutante.Restaura alcuni pupi ereditati dal nonno ed inizia la sua autonoma attività nel 1994.
Ad oggi è una delle voci più autorevoli della tradizione teatrale italiana, con spettacoli e progetti realizzati a livello nazionale ed europeo.

La compagnia "Carlo Magno"
La Compagnia “Carlo Magno” è nata per iniziativa di Enzo Mancuso,
ultimo discendente della omonima famiglia di pupari che diede inizio
alla propria attività a Palermo nel 1928, aprendo un teatrino dell’Opera
dei pupi nel quartiere Borgo Vecchio.

Il Cavaliere Antonino Mancuso, allievo del puparo Pernice, trasferì il suo teatro in diverse zone di Palermo e in vari paesi della provincia, anche con l’invenzione di un teatro fisso sopra un camion , fino ad attivare un teatro stabile a Palermo in piazza don Luigi Sturzo, che rimase attivo fino alla sua morte, nel 1988. Il cavaliere Mancuso fu grande nelle innovazioni delle armature con elmi alla greca e romani; per le rappresentazioni degli spettacoli si avvaleva dell’aiuto dei figli Nino, Pino e Stefano; ebbe notorietà nazionale partecipando a Lascia o Raddoppia, una delle prime trasmissioni della televisione italiana, come esperto della storia dei Paladini di Francia.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

I più visti

  • Mostra di abiti e tessuti abruzzesi a palazzo Valignani

    • dal 15 giugno al 30 settembre 2020
    • Palazzo Valignani
  • "Senza confini. Donne da oriente a occidente", nuova mostra al de' Mayo

    • dal 11 settembre al 22 novembre 2020
    • Palazzo de' Mayo
  • Crecchio, Orsogna, Ortona e Guardiagrele ospitano il festival Artinvita

    • Gratis
    • dal 18 settembre al 4 ottobre 2020
  • "L'aureola nelle cose: sentire l'habitat": mostra collettiva per il Premio Michetti

    • Gratis
    • dal 18 luglio al 30 settembre 2020
    • Museo Michetti
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    ChietiToday è in caricamento