rotate-mobile
Martedì, 16 Agosto 2022
Sagre Altino

Torna dopo due anni il Festival del peperone dolce con il palio culinario delle contrade

Appuntamento ad Altino il terzo fine settimana di agosto. Domenica 7 agosto convegno di studi e presentazione dei menu in gara

Archiviata l'edizione del 2021 con le restrizioni da pandemia di Covid-19 (quella del 2020, invece, non si è svolta), l'Associazione di tutela del peperone dolce di Altino organizza il nuovo Palio culinario delle contrade nell'ambito del XIII Festival di valorizzazione del prodotto tipico locale. L'appuntamento del 2022 è fissato per il terzo fine settimana di agosto, venerdì 19 e sabato 20.

“Cerchiamo di tornare alla normalità - dichiara il presidente Mario Nicola D'Alonzo - i contradaioli sono al lavoro per elaborare i menu con rinnovato entusiasmo”. Quest'anno tornano a gareggiare otto contrade, con uno stand dedicato al gluten free. Come tradizione, il menu completo è composto da un primo, un secondo con contorno e dolce, tutti piatti a base di peperone dolce di Altino quale ingrediente principale. “I primi menù proposti sono molto creativi e innovativi - anticipa il presidente D'Alonzo - tra gli ingredienti spiccano il baccalà, agnello e maialini, e ancora lo street food, con l'utilizzo dei prodotti della biodiversità locale”.

I menu completi saranno presentati, come consuetudine, una decina di giorni prima del Festival. L'appuntamento è al pomeriggio di domenica 7 agosto, ore 18.30, nel centro storico del paese, con il convegno di studi dedicato ai prodotti della biodiversità locale, dal titolo 'Nuove acquisizioni scientifiche del peperone dolce di Altino e necessità di recupero di altre varietà orticole locali'; relatori saranno docenti universitari, botanici e chef. Al termine dei lavori, le contrade presenteranno il folklore e i piatti che concorreranno rispettivamente al Festival e al Palio culinario.

Programma e relatori del convegno di studi, che sarà moderato dal botanico Aurelio Manzi: 'Caratterizzazione fotochimica con analisi dei minerali e dei composti volatili del peperone dolce di Altino', Francesca Di Donato dell’università dell’Aquila; 'Agrobiodiversità del Parco Maiella', Marco Di Santo, responsabile ufficio agronomico Parco Maiella; 'Banca del germoplasma del Parco nazionale della Maiella e il suo ruolo nella conservazione della biodiversità vegetale', Luciano Di Martino, direttore Parco della Maiella; 'Esperienza della Cantina Orsogna nel recupero della varietà agricole del territorio', Camillo Zulli, agronomo; 'Biodiversità agricola, identità e sviluppo locale', Carlo Ricci, direttore Gal Maiella Verde; 'Antiche varietà orticole da recuperare nel territorio di Altino e aree limitrofe', Aurelio Manzi, botanico; 'Uso del peperone dolce di Altino e altri prodotti della biodiversità nella cucina e pasticceria abruzzese', chef Tiziano Paolini del ristorante “Prospettive” di Francavilla al mare.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Torna dopo due anni il Festival del peperone dolce con il palio culinario delle contrade

ChietiToday è in caricamento